Mosca, via alla fiera dell’aerospaziale

da Mosca

Apre oggi i battenti a Mosca il salone aerospaziale e della difesa Maks, il più importante appuntamento del settore in Russia. È una vetrina delle ultime novità civili e militari dell'industria locale ed una occasione da non mancare per i grandi gruppi internazionali che cercano di conquistare una fetta significativa di un mercato che comincia lentamente ad aprirsi agli stranieri. Anche l'industria italiana ed in particolare Finmeccanica, è presente in forze al salone. Il gruppo è stato il primo ( grazie alla collaborazione di Alenia Aeronautica con Sukhoi), a «infrangere» la barriera legislativa che impediva a una società straniera di detenere più del 25% del capitale di una società russa. Ora Finmeccanica sta ampliando il portafoglio delle collaborazioni anche ad altri settori, compreso quello del trasporto ferroviario. In campo navale invece Fincantieri ha una collaborazione in atto con i cantieri Rubin che potrebbe portare alla realizzazione di un sottomarino. Naturalmente la parte del leone la faranno le industrie di casa e Vladimir Putin approfitterà dell'evento per spingere sul tasto dell’orgoglio nazionalista. Al salone sono attesi anche i più recenti aerei da combattimento, come il nuovo Sukhoi SU-35, e sistemi missilistici contraerei come l'S-400 Triumf. che saranno offerti a clienti come Cina o India o magari l'Iran o il Venezuela.