Moschea, Gagliardi all’attacco di Pericu

Luciano Gandini

«La Moschea non è solo un luogo di culto, diventa un luogo di incontro, di vita sociale della comunità islamica. Se il sindaco Pericu dice che è solo una pratica edilizia, ci prende per i fondelli». Non usa mezzi termini il sottosegretario Alberto Gagliardi per affrontare il tema del progetto della Moschea a Cornigliano, durante un’affollata assemblea pubblica organizzata dal coordinamento cittadino di Forza Italia e dal gruppo azzurro in Circoscrizione Medio Ponente. A introdurre l’incontro il responsabile Circoscrizioni di Forza Italia, avvocato Ferrucio Barnaba. A buttare benzina sul fuoco ci pensa Roberto Cassinelli, commissario cittadino degli azzurri, respingendo le accuse di voler strumentalizzare la vicenda: «È la realtà locale per prima che rigetta il progetto della Moschea. È legittimo chiedersi, a fronte di un preventivo di investimento di 300 mila euro, avendo ammesso di averne solo 30, dove prenderanno gli altri 270 mila». Il capogruppo in Circoscrizione Michele Thea, insieme ai colleghi consiglieri Claudia Monteverde e Pietro Varosio, sottolinea l’impegno del gruppo: «È dal 20 maggio 2004 che stiamo seguendo l’evolversi della vicenda e abbiamo presentato per primi una relazione ragionata e matura sull’impatto di una costruzione del genere sul quartiere. Il solidarismo di sinistra che fa calcoli elettoralistici non tiene conto della strada e del fatto che lì accanto c’è una scuola».