Le mosse di Obama: gay alla Casa Bianca e clandestini sanati

Conquistare gay e latinos. Così Barack Obama entra nel vivo della campagna elettorale con due mosse astute. La prima: il presidente annuncia una maxisanatoria che metterà in regola circa 800mila immigrati illegali. La Casa Bianca ha deciso di concedere il permesso di soggiorno a chi è entrato illegalmente negli Stati Uniti quando era molto piccolo (prima di aver compiuto 16 anni) e che hanno meno di 30 anni. Un provvedimento che, a meno di sei mesi dal voto, è un chiaro segnale all’elettorato «latino», in attesa da tempo di un intervento su questo drammatico problema. Infine il presidente, dopo essersi schierato apertamente in favore dei matrimoni omosessuali e aver rotto il tabù che impediva ai militari gay di dichiararsi tali, ha organizzato ieri sera un ricevimento per il gay pride month, il mese dell’orgoglio omosex.
Commenti

a_volte_scrivo

Sab, 16/06/2012 - 08:51

Al peggio non c'è limite ma allo sbando c'è: ci si liquida da soli. È capitato a tante altre civiltà decrepite.

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 16/06/2012 - 09:23

Cosa volete che sia!? Vedrete cosa sarà capace di fare Bersanov quando arriverà al potere! Allora si che ci sarà una vera “liberalizzazione” dei costumi, dopo l’oppressione “vaticana”!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 16/06/2012 - 11:04

Eh, eh...la paura fa novanta!

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Sab, 16/06/2012 - 15:51

Disperati tentativi dell'abbronzato di salvarsi dalla sconfitta imminente, cercando disperatamente di far dimenticare di non aver fatto, in quattro anni, assolutamente nulla per uscire dalla crisi economica. E' però molto probabile che almeno il provvedimento di legalizzazione dei clandestini si rivelerà, nell'attuale situazione economica, un boomerang per il presidente uscente..