Mostra del libro antico: "Ammirare e acquistare" 

La XX Mostra Internazionale del Libro Antico si terrà nelle sale della Palazzina della Permanente di via Turati 34, organizzata dalla Fondazione Biblioteca di Via Senato da venerdì a domenica 15 con la partecipazione di oltre 50 librai provenienti da tutto il mondo. Dell'Utri: <strong><a href="/a.pic1?ID=335200">&quot;Il mio sogno? Milano capitale del libro antico&quot;</a></strong><br />

«Ammirare e acquistare!» è l’imperativo della XX Mostra Internazionale del Libro Antico che si terrà nelle sale della Palazzina della Permanente di via Turati 34, organizzata dalla Fondazione Biblioteca di Via Senato da venerdì a domenica 15 con la partecipazione di oltre 50 librai provenienti da tutto il mondo.

Spiccano tra le opere più preziose l’edizione originale del progetto di Giuseppe Piermarini per il Teatro alla Scala, stampata nel 1789, con 8 tavole incise che raffigura la pianta e la struttura del teatro, proposta dalla libreria Il Polifilo; non manca anche la prima edizione illustrata di uno dei più bei libri del Rinascimento italiano, il «De Architettura di Vitruvio», stampato a Venezia da Giovanni Tacuino de Tridino nel 1511, presentato da Antonio Pettini. Non meno rari i capolavori di Arte miniata rinascimentale esposti da Sokol Koos, un’elegante esemplare di Haymo di Auxerre, Expositio in epistolas Pauli, di ambito francese e un rarissimo Libro d’Ore del 1532. Il tema religioso torna invece in due volumi curiosi della Libreria Il Polifilo e dello Studio Rambaldi, si tratta del primo indice ufficiale dei libri propibiti, «Index Prohibitorum», edito a Venezia nel 1564 dipo il Concilio di Trento, e il più famoso manuale per inquisitori, il «Malleus maleficarum» stampato a Colonia nel1494.

Napoli, Monaco di Baviera e Dresda ci vengono svelate dalle illustrazioni e dalle pagine dalla prima edizione della guida scritta da Pompeo Sarnelli, «Guida de Forestieri...», stampata nel 1685 (Libreria Biggio), dalle vedute di Monaco di Giuseppe Pietro Bagetti dei primi decenni del XIX secolo (Libreria Antiquaria il Cartiglio) e di quelle di Dresda di Bernardino Bellotto (Galleria ai Tre Torchi). Uno dei primi libri del Giappone sono invece, al centro delle grandi scoperte e delle conquiste rilaente al 1663, «Delle missioni dei Padri della Compagnia di Gesù della Provincia del Giappone», di De Marini, presentato in prima edizione e dalla «Verdarera relation del Perù» di Francesco Exeres che accompagnò Pizarro nell’impresa del 1531, tradotta in italiano (Lorenzo Peliello).

Un’interessante spaccato di storia, politica e società è offerto anche dal manoscritto inedito sulla storia del brigantaggio meridionale presentato dalla Libreria Antiquaria Sonia Natale »Ricordi per una storia del brigantaggio» del 1861, firmati dal rivoluzionario Lucano Rocco Brienza, dalla rara edizione originale «Der Judenstaat» di Theodor Herlz fondamentale manifesto politico del sionismo scritto dal giornalista ebreo Theodor Hertz, fondamentale manifesto politico (1896), «Affaire Dreyfus» e nella pressochè completa raccolta delle edizioni di Pietro Gobetti risalenti agli anni 1922-1928 (Antiquaria Soave). Non mancano temi come la fantasia e la passione e la gastronomia con 50 opere del XVI al XVII secolo della Libreria Pontremoli) e scritti di composizione musicale. Molti anche libri scientifici, astronomici, di anatomia, di botanica e del ’700 «Atlante celeste» di John Flamsteed e la rarissima «Istoria delle macchine solari» di Galileo Galilei, stampato aRoma nel 1613 (Dado & Mart).

Tra la storia della letteratura Cervantes e Quaritch e un inedito di Vinvenzo Monti con un dipinto di Giovanni Miglaira. E poi ancora «L’arte dellincisione», 16 rare stampe della serie de «La Piccola Passione» del 1507 di Durer (Borgo di Milano) e 80 acqueforti de «I capricci dello spagnolo Goya», (Il Polifilo). Arte, letteratura, tetro e cinema sono documentato nella sezione del xx secolo. A questo proposito è eccezionale l’archivio del Living Theatre. In mostra si possono ammirare le illustrazioni di Georges Barbier del 1914 e omaggi a Burri e Bartolini. Sono in tutto 750 i titoli dedicati al Futurismo e la libreria Scarpinato presenta documenti felliniani. La fotografia è presente grazie allo Studio Bibliografico con la msotra antologica del fotoreporter Tano D’Amico. Sabato 14 alle 16 un incontro con il fotografo. I libri d’infanzia vanno dal 1914 al 1947. L’inaugurazione si terrà venerdì 12 alle 18,30. Ingresso 5 Euro, ridotto 2, catalogo 15 Euro. Metropolitana linea 3.

Dell'Utri: "Il mio sogno? Milano capitale del libro antico"