In mostra l'universo fantastico di Vanni Cuoghi

Alla galleria milanese «Area B» una bella personale dell'artista che ripercorre «La (vera) storia di Veronica e Virginia»

Negli spazi della galleria milanese «Area B» (Via Cesare Balbo 3) in mostra «La (vera) storia di Veronica e Virginia», personale del bravo artista genovese Vanni Cuoghi. Il titolo enigmatico rimanda a una delle molte storie mitiche che sottendono l'opera di questo originale pittore.
Nata dallo studio sul lavoro di Henry Darger, scrittore e illustratore statunitense vissuto a Chicago tra il 1892 e il 1973, «La (vera) storia di Veronica e Virginia» scopre importanti cambiamenti nel lavoro di Vanni Cuoghi. Tali diversità si presentano sia nella mutazione cromatica, che vede l'utilizzo di tonalità più tenui, quasi autunnali, che anche nell'improvviso cambio di atmosfera delle opere realizzate, che acquistano un tono meno scanzonato e più riflessivo, rievocando connessioni e rimandi simbolici.
Abitato da figure in stile vittoriano fluttuanti su sfondi bianchi, che rimandano al candore di una pagina di illustrazioni fiabesche, l'immaginario che Vanni Cuoghi ci presenta è ricco di simboli e citazioni travestiti da personaggi e illustrazioni per l'infanzia.
Tra i primi attori delle atmosfere di Vanni Cuoghi risulta evidente il riferimento al passato, palese nei personaggi e nelle situazioni che li ritraggono; riferimenti alla pittura antica - sia attraverso personaggi e aneddoti, che anche attraverso modalità espressive - capaci di mettere in evidenza le ansie e i conflitti interiori contemporanei.
Ne consegue che il vero protagonista di La (vera) storia di Veronica e Virginia risulta essere l'osservatore, che nel puro gesto dell'esplorare interagisce con le condizioni narrative indicate dalle opere, scegliendo e trovando le proprie emozioni e il proprio dialogo.
In mostra, oltre agli acquerelli e alle tele, saranno presenti anche opere tridimensionali, realizzate attraverso il gioco originato da un foglio di carta ritagliato e piegato su sé stesso, che genera un teatrino formato da un fondale e da una quinta; un vero e proprio trompe l'oeil narrativo contemporaneo.
Vanni Cuoghi nasce a Genova nel 1966. Attualmente vive e lavora a Milano. Ha partecipato a numerose mostre pubbliche tra cui: 2009 Italian Newbrow ,quarta Biennale di Praga (Repubblica Ceca); Biennale Giovani, Serrone della Villa Reale, Monza. Il comune di Como sceglie delle immagini dei suoi lavori per pubblicizzare la manifestazione ES-CO. 2008: Allarmi, Caserma De Cristoforis, Como. Frieze Art Fair a Londra, Biennale di San Pietroburgo (Russia), Pechino 2008- Artathlos , l'Haidian Exibition Center; Maestri di Brera presso il Liu Haisu Museum. Shangai Nel 2008 affresca l'intera facciata della Chiesa di Santa Caterina da Genova; nel 2010 un suo dipinto viene stampato su un'edizione limitata di borse prodotte da Henry Cotton's in occasione della Vogue Fashion's Night Out.