Mostre, concerti e un marchio ad hoc per celebrare l’arte della filigrana

Gli artigiani di Campo Ligure producono oggetti in filigrana da 120 anni. E nei prossimi due fine settimana si potrà vedere che cosa esce oggi dalle loro botteghe. Nel borgo medioevale della valle Stura torna infatti la Mostra nazionale del gioiello in filigrana d’argento, ospitata quest’anno nel Palazzo municipale. Gli oggetti esposti nelle sale dell’edificio rimesso a nuovo si potranno vedere il sabato (1 e 8 settembre) dalle 15 alle 19 o la domenica (2 e 9 settembre) dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19 (ingresso gratuito).
Tutto il borgo parteciperà alla festa: si terranno concerti e sfilate, una mostra sulle ceramiche di Albissola. I visitatori potranno vedere gli oggetti in filigrana nei mercatini o nei negozi, anche la domenica. E per i produttori è in arrivo una novità. «La filigrana di Campo Ligure sarà tutelata attraverso una certificazione di prodotto, creata grazie a un marchio di origine e qualità che verrà applicato direttamente sui gioielli - spiega il sindaco, Antonino Oliveri-. Il marchio garantirà che la lavorazione è stata eseguita secondo le tecniche tradizionali previste da un apposito disciplinare fissato da uno studio commissionato dalla Camera di commercio di Genova e dalle associazioni di categoria e approvato dalla Regione. Chi acquista i nostri prodotti - aggiunge il sindaco - avrà così la certezza che sono stati lavorati a mano nelle botteghe di Campo Ligure secondo un’arte che risale all’antichità e al medioevo e che da noi si pratica dal 1884».
La «filigrana», in oreficeria, è la tecnica artistica consistente nella lavorazione ad intreccio di sottili fili d’oro o d’argento che, dopo la ritorcitura, vengono fissati su un supporto, anch’esso di materiale prezioso, in modo da creare un elegante effetto di struttura traforata. Per avere informazioni sulla mostra si possono chiamare i numeri 010-920.099 o 010-920.981.