tra mostre e musei

Palazzo Reale con «L’Arte delle donne», le foto di LaChapelle e «La Domenica del Corriere» resta aperto anche il 25 pomeriggio

Pomeriggio di Natale al museo? Proposta fattibile. E un primo dell'anno all'insegna dell'arte? Anche. I milanesi amanti della cultura saranno accontentati.
Le mostre
L'indirizzo principale è Palazzo Reale (dalle 9.30 alle 19.30). Qui nelle prossime settimane - compreso il pomeriggio di Natale (dalle 14.30 alle 19.30) e il pomeriggio del primo giorno dell'anno agli stessi orari - il menu è ricco: la portata principale è senza dubbio la mostra Arte delle Donne. Dal Rinascimento al Surrealismo, cinque secoli di espressione artistica tutta al femminile con opere di Artemisia Gentileschi, pastelli di Rosalba Carriera e ritratti di Frida Khalo. Donna e artista è anche la protagonista dell'altra esposizione ospitata al piano nobile di Palazzo Reale: Vivienne Westwood presenta una raccolta eccezionale delle creazioni della firma più dissacrante della moda contemporanea. Interessante anche una visita alla personale del noto fotografo statunitense David LaChapelle che raccoglie 350 scatti del giovane autore. Ma se preferite il passato recente, aggiratevi tra i pannelli de La Domenica del Corriere. Il Novecento illustrato, dove sono esposte le migliori copertine del settimanale.
Pomeriggio di Natale e Capodanno aperto ai visitatori anche alla Rotonda della Besana dove è possibile immergersi nel fantastico mondo di Bruno Munari e delle sue «macchine inutili» mentre il Pac ospita la monografica su un grandissimo dell'obbiettivo, Ugo Mulas. Chi predilige la storia può recarsi al Castello Sforzesco per vedere la preziosa mostra dedicata al genio leonardesco nella Sala delle Asse (Leonardo. Dagli studi di proporzioni al Trattato della pittura). In coda alle vacanze natalizie, l'8 gennaio, si può approfittare per visitare gratuitamente India arte oggi, interessante esposizione sull'arte contemporanea indiana (Spazio Oberdan, sempre aperto tranne a Natale e a Capodanno, dalle 10 alle 19.30) mentre fino al 6 gennaio alla Fondazione Mazzotta sono in vendita biglietti d'ingresso a 8 euro comprensivi di visita guidata gratuita alla mostra Warhol-Beuys. Omaggio a Lucio Amelio (aperta anche a Santo Stefano, a Capodanno e all'Epifania). Alla Triennale i giovani potranno fare una scorpacciata di mostre (Anni settanta e David Lynch hanno fatto breccia tra gli under 30) senza dimenticare il neonato Design Museum (aperto dalle 10.30 alle 20.30). Negli spazi della Triennale Bovisa è ancora di scena l'arte ottica di Victor Vasarely mentre c'è tempo solo fino all'8 gennaio per vedere all'Hangar Bicocca la splendida collettiva Urban Manners, dedicata agli artisti indiani contemporanei più ricercati sul mercato (chiusa dal 24 dicembre al 1° gennaio).
I musei
Laboratori, attività per grandi e piccini e visite guidate al museo della Scienza e della Tecnologia di via San Vittore (aperto tutti i giorni tranne a Natale, Capodanno e lunedì non festivi dalle 9.30 alle 17, sabato e domenica fino alle 18.30) mentre il Poldi Pezzoli di via Manzoni il 29 dicembre sarà eccezionalmente aperto al pubblico ad ingresso gratuito (dalle 10 alle 18). Chiudiamo con i musei civici (sempre aperti tranne il 24, il 25 e il 31 dicembre e il 1° gennaio): da segnalare in queste sedi la ricca mostra «Giuseppe Garibaldi. Sulle tracce di un mito» al museo del Risorgimento di via Borgonuovo e l'omaggio a Maria Callas con «Divina!», che raccoglie documenti, fotografie e vestiti della Casta Diva al museo di Storia Contemporanea di via Sant'Andrea. Anche il Cenacolo vinciano chiude alla Vigilia e il giorno di Natale, ma in compenso serba ancora qualche posto per il 30 dicembre (l'ingresso, a pagamento, è a prenotazione obbligatoria al numero 02-89421146).