Il «mostro» è innocente

Era in Tunisia da 12 giorni l’uomo accusato dagli inquirenti

Clamorosa svolta nelle indagini per la strage ad Erba. L'uomo sospettato di aver compiuto i quattro delitti si trovava a Tunisi, da dove è rientrato ieri. A scagionarlo per primo è stato il padre della ragazza uccisa (a cui sono stati ammazzati anche la moglie e il nipotino): «Ho l'impressione che hanno pagato per qualcosa di più grosso». Non si esclude che ad agire non sia stata una sola persona: si indaga infatti su un possibile regolamento di conti.