Moto, caduta per Rossi fratturati tibia e perone: "L'operazione è riuscita"

Rossi cade durante le prove ufficiali al Mugello. Operato al cto di Firenze. Il medico: "Quattro o cinque mesi di riposo". La Schiavone: "Gli dedico un pezzo del mio trionfo" 

Mugello - Valentino Rossi è caduto durante il secondo turno di prove ufficiali alle curve "Biondetti" del circuito del Mugello. Il pilota di Tavullia è incappato in un "high side", ed è stato sbalzato dalla sua moto sbattendo fortemente la parte bassa della gamba destra. Soccorso dai medici della pista, Rossi non ha poggiato il piede in terra mostrando sofferenza mentre si teneva con la mano la caviglia.

Frattura alla tibia Valentino Rossi, uscito dal centro medico del Mugello, è stato caricato in barella all’interno dell’eliambulanza, che lo ha portato al Cto di Firenze. Il pilota della Yamaha, che si è procurato con la caduta al Mugello la frattura esposta della tibia della gamba destra, sarà operato immediatamente dal prof. Buzzi, primario del cto di Firenze. 

No complicazioni muscolari o vascolari "Valentino ha ricominciato a sorridere, è andato prima all’ospedale di Careggi dove gli hanno fatto esami molto approfonditi dai quali non sono risultati ulteriori danni muscolari e vascolari oltre alla frattura scomposta di tibia e perone.

"Operazione riuscita" "L'operazione a Valentino Rossi è terminata, è andato tutto bene". Lo ha detto Claudio Costa il responsabile della clinica mobile con cui il medico segue tutte le gare del motomondiale. "L'intervento a Valentino Rossi è durato due ore e mezzo ed è perfettamente riuscito. Si prevede un riposo di circa 4-5 mesi". Lo ha detto il professor Roberto Buzzi, che ha operato Rossi.Dopo l'operazione è stato spostato in terapia subintensiva dove è tenuto costantemente sotto controllo e resterà ricoverato al Cto di Firenze per circa sette giorni, hanno detto Buzzi e il dottor Claudio Costa.

"Mi mettono un chiodo ed esco" "Sta bene, gli ho parlato prima che entrasse in sala operatoria e sembrava stesse meglio lui di me e mi ha detto ’entro, mi faccio mettere un chiodo e torno subitò". Così Alessio Salucci, ’Ucciò, l’amico del cuore di Valentino, ha raccontato l’ incontro col pilota avvenuto prima dell’ ingresso in sala operatoria. Il team manager della Yamaha di Rossi, Davide Brivio, parlando a Italia1 ha rassicurato tutti i tifosi e gli appassionati di motociclismo. "Ci aspettano ancora degli anni insieme per dire ancora la nostra - ha detto - Ora è importante che Valentino guarisca bene".  

Schiavone: "Gli dedico un pezzo del mio trionfo" A Valentino Rossi, che dovrà stare fermo per mesi a causa di una doppia frattura alla gamba destra, dedico "un pezzo della mia vittoria". Lo ha detto Francesca Schiavone nel corso della conferenza stampa che ha fatto seguito alla finale femminile del Roland Garros a Parigi. Apprendendo della notizia dell'infortunio di Valentino Rossi dagli stessi cronisti, la Schiavone ha poi aggiunto: "Mi dispiace. Spero che si rimetta presto. Lui mi ha insegnato come si vanno a prendere le coppe perchè lo seguo sempre...". E ancora: "Valentino sa cosa significa vincere...Sono io che ho da imparare da lui". Ma "oggi abbiamo qualcosa in comune", ha concluso la Schiavone.