In moto senza casco lo usa soltanto per pestare i vigili

Sarà stato il combinato disposto di alcol, caldo e una certa insofferenza all’autorità, ma il 33enne P.C., pregiudicato romano fermato due sere fa dai vigili urbani mentre gironzolava in scooter per il centro, non aveva le idee chiare. I pizzardoni l’hanno stoppato perché l’uomo era senza casco. Una volta a terra, l’alito di P.C. ha tradito anche qualche bicchiere di troppo. Di più: alla richiesta dei documenti, si è scoperto che l’uomo non aveva il patentino. Così P.C., di fronte al certo sequestro del mezzo, ha aperto il bauletto mostrando che un casco comunque l’aveva. Solo che invece di indossarlo l’ha usato come arma, pestando due dei quattro vigili e cercando di fuggire, prima di essere placcato di fronte al Senato e arrestato con le accuse di resistenza, lesioni e violenza a pubblico ufficiale.