MotoGp, Dovizioso vola in pole Valentino è secondo a Motegi

L'italiano della Honda in pole position nel Gp del Giappone. Riscossa di Rossi che chiude in seconda posizione a soli 54 millesimi. Dietro di lui Stoner. Quarto il leader del Mondiale che, visto l'infortunio a Pedrosa, cerca i punti della sicurezza

Motegi - Prima volta nella vita. Andrea Dovizioso ha conquistato la pole position nella classe MotoGp del Gp del Giappone. Sul tracciato di Motegi, il pilota della Honda Repsol è stato il più veloce nelle qualifiche fermando il cronometro su 1'47"001. Dovizioso partirà davanti alla Yamaha di Valentino Rossi. Il Dottore ha ottenuto il secondo tempo (1'47"055) nelle prove ufficiali, precedendo la Ducati dell’australiano Casey Stoner (1'47"105) che domani chiuderà la prima fila della griglia. Lo spagnolo Jorge Lorenzo, leader del Mondiale e vicinissimo al titolo, ha chiuso le prove ufficiali con il quarto crono (1'47"206) e domani aprirà la seconda fila. Accanto a lui, le Yamaha Tech 3 degli statunitensi Colin Edwards (1'47"464) e Ben Spies (1'47"648). Settima posizione per la Honda Lcr del francese Randy De Puniet (1'47"753), seguito dalla Honda Gresini di Marco Simoncelli (1'47"914). Loris Capirossi, in sella alla Suzuki, ha fatto segnare il decimo tempo (1'48"068) alle spalle del compagno di team, lo spagnolo Alvaro Bautista (1'48"002). Marco Melandri, con l’altra Honda Gresini, scatterà dalla 12esima posizione (1'48"238), dietro alla Ducati dello statunitense Nicky Hayden (1'48"182). Le qualifiche hanno modificato parzialmente le gerarchie delineate dalla seconda e ultima sessione di prove libere. Nei collaudi mattutini il migliore era stato Lorenzo (1'47"413), davanti a Dovizioso (1'47"836) e Rossi (1'47"905).

Dovizioso soddisfatto "Sono contento e soddisfatto della mia prima pole". A parlare è Andrea Dovizioso, per la prima volta davanti a tutti nelle prove ufficiali. Il pilota romagnolo nella massima categoria ha una vittoria conquistata lo scorso anno a Donington e in questa occasione sembra stia positivamente approfittando dell’assenza del compagno di squadra, lo spagnolo Dani Pedrosa, che è dovuto tornare in Spagna dopo la caduta di ieri che gli è costata la frattura scomposta della clavicola sinistra. "Non sono riuscito a scendere sotto l'1'47" - ha proseguito Dovizioso - ma va bene così. La moto va molto bene e sono sicuro di poter fare una bella gara. Il mio stile non è quello di andare troppo forte in qualifica, ma stavolta ci sono riuscito. Dopo il Gp di Misano, per me questa è la seconda gara di casa".

Rossi pure "Sono veramente contento, era Le Mans che non partivo dalla prima fila, prima dell’incidente del Mugello!". Valentino Rossi in Giappone ritrova il sorriso dopo i dubbi sulla tenuta della sua spalla. "Oggi è andata bene - ha continuato Rossi - perché non ho sentito dolore. A volte sto malissimo ed altre non sento nulla, la spalla si comporta in modo imprevedibile. Comunque abbiamo fatto un buo lavoro, la moto si è dimostrata veloce e abbiamo trovato un buon setting, e il nuovo motore che mi ha dato la Yamaha spinge forte, quindi va bene. Per domani sono fiducioso, spero solo che il tempo regga".