MotoGp, Silvestone: pole di Stoner su Simoncelli Disastro Valentino Rossi: 13° a oltre 3 secondi

L'australiano della Honda vola davanti a tutti nelle qualifiche sul tracciato inglese. Secondo l'italiano del team Gresini a meno di due decimi. In terza posizione il campione del mondo Lorenzo (Yamaha). Lontanissimo il pesarese della Ducati, che spera nella pioggia

Silverstone - Un fulmine australiano davanti a tutti. Casey Stoner partirà dalla pole position. Il pilota della Honda è stato il più veloce nelle qualifiche sul tracciato di Silverstone con un giro in 2'02"020. Stoner scatterà davanti alla Honda Gresini di Marco Simoncelli, secondo in griglia con il crono di 2'02"208. Lo spagnolo Jorge Lorenzo, campione del mondo in carica, è terzo (2'02"237) e chiude la prima fila con la sua Yamaha. Qualifiche disastrose per Valentino Rossi, solo 13° con la Ducati e condannato a una nuova gara in salita. L'unica speranza per il pesarese è una domenica di pioggia che livelli i valori in campo.

Gli altri Per Stoner si tratta della quarta pole in cinque gare sin qui corse (Qatar, Spagna, Francia ed Inghilterra). Seconda fila per Andrea Dovizioso (Honda) che ha chiuso con il quinto tempo. Ottimo il pilota ceco Karel Abraham che è il primo dei ducatisti. Crisi profonda per Rossi che ha chiuso le prove ufficiali staccato di ben 3"761 da Stoner, alle spalle di Hector Barbera (Ducati) e davanti a Toni Elias (Honda). Penultimo Loris Capirossi (Ducati) con il 16esimo tempo. Sfortunato il pilota di casa, l’inglese Cal Crutchlow (Yamaha) che è caduto violentemente nelle prime battute della sessione riportando la frattura della clavicola sinistra. Crutchlow è stato trasportato in elicottero in ospedale a Londra e non prenderà parte alla gara di domani.

Rossi deluso "Non riesco a guidare e non so perché". Valentino commenta con delusione il pessimo risultato ottenuto nelle qualifiche. Il pilota della Ducati domani partirà dalla 13esima piazza dopo l’odierna prestazione: il "Dottore" ha chiuso le prove ufficiali con un ritardo abissale di oltre 3 secondi rispetto alla Honda dell’australiano Casey Stoner, che si muoverà dalla pole position. "Il distacco è grandissimo, non sappiamo se abbiamo un’idea per migliorare almeno un po'" dice Rossi. "Facciamo modifiche, ma non riusciamo a migliorare granchè. Se dovesse piovere, forse andremmo un po' meglio. Ma non siamo competitivi nemmeno sull’acqua: d’altronde, andiamo talmente piano sull’asciutto..." aggiunge sconsolato. I segnali incoraggianti delle ultime settimane sembrano un lontano ricordo. "A le Mans e a Barcellona abbiamo preso una discreta paga dalle Honda, ma siamo andati comunque meglio. Qui, pur non conoscendo bene la pista, speravo di fare passi avanti. E invece non riesco proprio a guidare, senza capire il motivo" dice, prospettando una situazione senza soluzione immediata. "Abbiamo apportato modifiche davanti, abbiamo cambiato anche dietro. Ma non è servito molto. Dobbiamo tirar fuori un coniglio dal cilindro? Non basta nemmeno un canguro, temo...".