MotoGp, Stoner brucia Pedrosa e Rossi

Nelle prove ufficiali sul tracciato olandese, dove si corre da sempre di sabato, grande battaglia tra i primi tre del mondiale. Alla fine la spunta l'australiano della Ducati per una manciata di millesimi sullo spagnolo della Honda e l'italiano della Yamaha

Assen - Battaglia a chi picchia più forte. Ed erano solo le prove. Si annuncia affascinante (come sempre) e molto tirato il Gp d'Olanda della MotoGp. Duello a tre Stoner-Pedrosa-Rossi, a colpi di giri veloci. E classifica finale in vista della gara (domani alle 14) che vede i primi tre della classifica mondiale in ordine inverso e tutti racchiusi in un pugno di millesimi. L'australiano della Ducati, che comunque pare avere il passo di gara più veloce, ha staccato la pole position con un sussurro di vantaggio sullo spagnolo della Honda e sull'italiano della Yamaha. Casey Stoner ha chiuso in 1’35"520 precedendo lo spagnolo Dani Pedrosa con 1’35"552, mentre Valentino Rossi chiude la prima fila con il tempo di 1’35"659. Per il pesarese il rammarico di non essere riuscito a sfruttare al meglio l'ultima gomma da qualifica.

Valentino fiducioso Un Rossi piuttosto soddisfatto ha commentato, ai microfoni di Italia 1, le qualifiche del Gp d’Olanda di motociclismo: "Abbiamo fatto delle modifiche, usate solo con le gomme da qualifica, che ci hanno progredire - ha detto il leader della classifica - però faccio un po' fatica a curvare, l’anteriore non lo sento ancora mio. Comunque, partire in prima fila non è male". La pole è andata a Casey Stoner: "Le prove di questi giorni hanno detto che il suo potenziale è più alto del nostro - ha commentato Rossi - ma cercherò comunque di dargli fastidio".

Gli altri Quarto tempo a 0"455 per lo statunitense Nicky Hayden (Honda Repsol), quinto tempo a 0"465 per il francese Randy De Puniet, sesto tempo a 0"758 per lo statunitense Colin Edwards (Yamaha Tech3) e settimo tempo a 1"012 per il compagno di squadra di Rossi, lo spagnolo Jorge Lorenzo. Diciassettesimo a 3"206 e ultimo ha invece chiuso ancora una volta in maniera sconsolante Marco Melandri, con l’altra Ducati. Undicesimo tempo a 1"428 invece per Andrea Dovizioso (Honda Scot). Dopo il pauroso incidente di ieri Loris Capirossi è stato invece costretto a chiudere in anticipo il suo weekend ad Assen e la Suzuki ha mandato in pista solo l’australiano Chris Vermeulen (finito ottavo a 1"248 da Stoner). Il team non ha ritenuto infatti le incerte condizioni del meteo favorevoli per la sostituzione del pilota italiano con lo statunitense Ben Spies.