Da Ferrari a Valentino Rossi vacanze nella Motor Valley

Emilia Romagna terra di motori e passioni fra case motoristiche, autodromi, collezioni di auto e moto d’epoca, eventi e gare mondiali. Ecco una destinazione turistica tutta da scoprire e da vivere. A partire dal Museo Ferrari di Maranello e dal Museo Enzo Ferrari di Modena. E a Coriano c’è il Museo dedicato a Simoncelli. Alla Bit di Milano lanciati i pacchetti turistici

La Terra dei Motori come destinazione turistica, come prodotto diffuso sul territorio fra storia, attualità ed eccellenze dell’Emilia Romagna è un elemento strategico della promozione turistica. La Regione ha deciso infatti di investire un milione di euro in due anni nella promozione della Motor Valley, che comprende i Musei Ferrari e Lamborghini, il museo Ducati, quattro autodromi ed eventi motoristiciche si svolgono durante l’anno.

Un investimento cui si aggiungono un'associazione no profit tra privati, Regione e operatori turistici, un nuovo logo, un nuovo sito, una "cartomappa" in 25mila copie e numerosi appuntamenti di richiamo internazionale. L'accordo che mette insieme Regione e privati è stato presentato alla Bit, la Borsa Internazionale del turismo alla Fiera di Milano, dall'assessore regionale al Turismo Andrea Corsini, accompagnato per l'occasione dall'ex direttore dei Musei Ferrari Antonio Ghini.
"La Regione - ha spiegato Corsini - ha deciso di investire nella promozione della Motor Valley per fare della Terra dei Motori, insieme alla Food Valley e alla Wellness Valley, uno dei pilastri della la promozione turistica regionale, come confermato peraltro anche nella nuova legge regionale sul turismo. Si tratta - ha aggiunto - di un'offerta nel segno del più autentico made in Italy, oggetto ovunque di ammirazione e di infiniti tentativi di imitazione".

Il marchio Motor Valley (www.motorvalley.it) riunisce l'offerta del grande parco dei motori che vanta 188 team sportivi (tra club e scuderie), 13 musei, un circuito di 12 collezioni private, 4 autodromi, 11 kartodromi e vari circuiti. Le piste più famose sono note in tutto il mondo: l’autodromo Enzo e Dino Ferrari a Imola, il Misano World Circuit Marco Simoncelli, Riccardo Paletti a Varano Melegari e l’Autodromo di Modena, a Marzaglia. Attenti all’innovazione e al futuro sostenibile, i responsabili del circuito modenese organizzano anche ecomaratone di veicoli a emissioni zero e corsi di “green drive” per imparare a guidare ottenendo una riduzione nei consumi di carburante. Nella Motor Valley operano anche specialisti del restauro di auto e moto d’epoca, imprese di eccellenza nel design e nella produzione di accessori, parti e componenti, centri di ricerca e sviluppo, collezioni e musei pubblici e privati. Sono inoltre lanciate attività formative a livello professionale e universitario, iniziative culturali.
La passione per le due e quattro ruote ha portato un crescente flusso di ospiti italiani e stranieri. Oltre a seguire gli itinerari motoristici, la Motor Valley offre l’occasione di scoprire le proposte culturali, paesaggistiche ed enogastronomiche. Agli eventi, ai musei e alle collezioni private delle due e quattro ruote sono legati pacchetti turistici per tutto l’anno. Info: www.motorvalley.it.

MotoGP, Superbike e il World Ducati Week

Il primo richiamo per gli appassionati sono i grandi appuntamenti sportivi. Nel 2016 il clou sarà al Misano World Circuit intitolato a Marco Simoncelli, con la disputa di una gara del Moto Gp prevista per l’11 settembre. Nel 2015, grazie alla posizione in classifica di Valentino Rossi, le presenze furono da record: 92.000 spettatori la domenica, 152.394 le persone nei tre giorni della manifestazione. Misano, che ogni anno riunisce intorno alla passione per i motori oltre 500mila presenze, ospita anche gli appuntamenti sulla Pista Flat Track del programma Vr46 Rider’s Academy con Graziano Rossi partner del progetto e Valentino Rossi spesso presente come docente di eccezione, assieme ad Andrea Dovizioso. Il circuito di Misano è protagonista, assieme all’Enzo e Dino Ferrari di Imola, anche del Mondiale Superbike per un’accoppiata che caratterizza solo altri sei circuiti nel mondo. Quest’anno l’appuntamento del Mondiale SBK a Imola (www.autodromoimola.it) si svolgerà dal 29 aprile al 1° maggio, a Misano dal 17 al 19 giugno. Misano sarà protagonista del World Ducati Week dal 1° al 3 luglio che offrirà l’occasione per celebrare i 90 anni del marchio di Borgo Panigale nato – appunto – il 4 luglio 1926. Nel 2014 la manifestazione ha fatto registrare il record di affluenza con oltre 65.000 presenze in rappresentanza di 56 nazioni.

Nell’ambito di Modena Terra di Motori, la più importante manifestazione automobilistica italiana “en plein air”, il 24 e 25 settembre 2016 si svolgerà una nuova edizione di Modena Motor Gallery, una mostra-scambio di auto e moto d’epoca made in Italy nei padiglioni di Modena Fiere che nel 2105 ha aperto i battenti anche alle auto e moto d’epoca straniere (www.motorgallery.it).
Accanto ai tanti raduni e gare non mancano gli appuntamenti dedicati a chi al rombo dei potenti motori di oggi preferisce la “musica” di quelli di ieri. Tra le manifestazioni di maggior prestigio c’è la Mille Miglia che quest’anno si svolgerà dal 19 al 22 maggio con tappe a Rimini e Parma. Info: www.1000miglia.eu

Altro grande evento è il GP Terre di Canossa che nel 2016 si svolgerà dal 14 al 17 aprile tra Emilia, Liguria e Toscana, lungo le millenarie strade di Matilde di Canossa. Un viaggio nel tempo e tra le bellezze straordinarie di questi territori e delle sue eccellenze. La manifestazione permette, infatti, di vivere anche un emozionante percorso enogastronomiche tra le ricette della tradizione e la creatività dei migliori chef stellati (www.granpremioterredicanossa.it).
Grande partecipazione attesa anche quest’anno (dal 9 all’11 settembre), alla Mostra Scambio di auto e moto d’epoca organizzata dal Crame all’Autodromo “Enzo e Dino Ferrari” di Imola: lungo i 5 km del circuito si possono trovare pezzi unici per un appuntamento che sta diventando tra i più interessanti anche a livello internazionale (www.autodromoimola.it).

Due “Louvre” dei motori per il mito Ferrari

A Maranello il Museo Ferrari (www.museoferrari.com) ha raggiunto picchi d’affluenza record. Da non perdere la suggestìva Sala delle Vittorie che celebra i successi più recenti della Scuderia del Cavallino. Ai più giovani è dedicato il nuovo laboratorio didattico Red Campus, spazio interattivo per esercitazioni e simulazioni. Da non perdere anche il Museo Casa Enzo Ferrari a Modena (www.museocasaenzoferrari.it), struttura di 5000 mq dedicata a Enzo Ferrari e all’automobilismo sportivo. Fa parte del complesso museale la casa in cui il Drake nacque nel 1898 e alla quale è legata una galleria espositiva, coperta da un “cofano” di alluminio giallo che l’avvolge come una sorta di mano aperta. Il Mef ospitamostre tematiche ed è dotato di un Centro di Documentazione, computer-room e spazi dedicati a eventi e ad attività didattiche e seminariali.Tra le esposizioni, nel 2014 c’è stata anche la mostra Maserati 100, a Century of pure italian luxury sports car con alcune delle più importanti Maserati stradali e da competizione.

Al volante della Ferrari 488 Spider per raccontare la Romagna

Grazie alla sinergia tra la Casa di Maranello e Apt Servizi Emilia Romagna, Ferrari ha scelto le strade tra San Leo, nell’entroterra riminese, Cesenatico, le saline di Cervia e Forlì per il “media test drive” della 488 Spider. Erano 160 i giornalisti di riviste specializzate in “automotive” provenienti dai cinque continenti che nell’ottobre 2015 hanno provato esemplari della nuova vettura lungo le strade romagnole. I giornalisti, che hanno fatto base a Forlì (a Fiumana di Predappio), erano accompagnati lungo il loro test drive da un fotografo e un operatore video. E assieme alla vettura, protagonista delle immagini è stata la Romagna, col suo patrimonio ambientale e culturale.