Honda CRF250M

Derivata dall'enduro CRF250L, è l'interpretazione motard di un modello che fa della semplicità la sua caratteristica distintiva. Nasce per chi vuole cominciare a vivere l'emozione delle due ruote. Arriverà nell'estate 2013 a un prezzo non ancora comunicato

Honda continua la sua politica di espansione della gamma e lo fa con la CRF250M, una piccola supermotard dedicata ai neofiti e a chi cerca facilità di guida, divertimento, consumi contenuti e semplicità di gestione da tutti i punti di vista. Lo stile è ispirato naturalmente al modello da cui deriva, l'enduro CRF250L, ma la connotazione motard è chiara, grazie ai cerchi a raggi da 17 pollici, al disco anteriore di maggior diametro rispetto all'enduro e naturalmente agli pneumatici stradali (110/70 anteriore e 130/70 posteriore). Ideata per fare bene sia in città sia tra le curve di qualche bel percorso collinare, la CRF250M è più bassa di 20 mm rispetto alla versione enduro, a causa delle ruote stradali e del differente assetto delle sospensioni, caratterizzate dalla taratura più rigida. Per migliorare le prestazioni in frenata è stato aumentato il diametro del disco anteriore, mentre a beneficio dell'efficienza nei trasferimenti autostradali è stato rivisto il rapporto di trasmissione finale; il cambio è a sei rapporti.

Il motore DOHC, quindi con distribuzione bialbero, punta sulla regolarità d'erogazione e sull'economia di esercizio: raffreddato a liquido, raggiunge 23,1 cv di potenza (17 kW) a 8500 giri/min e 22 Nm di coppia a 7000 giri/min. L'iniezione elettronica PGM-FI, la candella all'iridio e il bilanciere a rullo per la distribuzione concorrono a mantenere quanto più possibile bassi i consumi, che nel ciclo medio WMTC si attestano secondo Honda su 34 km/l. La sella è posta a soli 855 mm dal suolo, mentre il peso con il pieno di benzina è dichiarato in 145 kg. Il prezzo non è stato ancora reso noto, mentre l'arrivo nelle concessionarie è previsto per l'estate.

Vuoi saperne di più? Leggi RED Live