Nuova Porsche 911 Targa: ritorno al passato

Torna al classico roll-bar la 911 Targa 991, come sulle celebri versioni anni ‘70, abbandonando il tetto in vetro scorrevole tipico di 993, 996 e 997. Stessi motori delle versioni cabrio e trazione unicamente integrale per la nuova Targa

Ecco una delle auto più attese e più ammirate al Salone di Detroit in corso in questi giorni. Dopo aver infatti celebrato degnamente i 50 anni di storia (approfondisci qui) dell’auto sportiva più famosa e longeva al mondo Porsche presenta la nuova Targa, che abbandona il tetto scorrevole in cristallo (nella gallery, il modello precedente in colore rosso), in favore della storica configurazione mediante hard top amovibile, come quello delle celebri Targa anni 70 e 80.

991, nel dettaglio, presenta un roll-bar in metallo che funge da montante centrale e il lunotto in vetro, proprio come sui modelli classici che abbiamo ricordato. E’ però tutto moderno il sistema elettrico che consente, mediante la pressione di un pulsante, il passaggio dalla configurazione chiusa a quella all’aria aperta. Il lunotto e la relativa porzione inferiore della carrozzeria si sollevano, consentendo al tetto di collocarsi alle spalle dei sedili in meno di 20 secondi.

Analogamente a 997, la vettura è proposta esclusivamente in abbinamento alla trazione integrale permanente. 911 Targa 4 è mossa dal noto 6 cilindri boxer di 3.436 cc a iniezione diretta di benzina capace di sprigionare 350 cv di potenza massima e 39,8 kgm di coppia che, in abbinamento alla trasmissione a doppia frizione PDK a 7 rapporti e al pacchetto Sport Chrono, consente di scattare da 0 a 100 km/h in 4,8” raggiungendo una velocità massima di 282 km/h.
Top di gamma Targa 4S, mossa dal 6 cilindri boxer 3.8 da 400 cv e 44,9 kgm, che scatta da 0 a 100 km/h in 4,4” ed è in grado di raggiungere la velocità massima di 296 km/h.

Il prezzo per portarsi a casa la Porsche secondo molti più affascinante? da 113.111 e 128.239 euro; Poco meno delle versioni cabrio.

Vuoi conoscere tutto sul mondo di auto e moto? Approfondisci su RED Live