Prova Seat Leon SC

Temperamento brillante e ottima tenuta di strada: si presenta così la nuova Seat Leon SC, che abbiamo provato in versione 2.0 TDI; 35 mm di passo in meno e 250 euro in più della versione 5p, ecco come va

Da qualche tempo girano voci di un interessamento del gruppo Volkswagen all’Alfa Romeo. Ma cosa c’entra l’azienda del Biscione con la Leon SC? C’entra, perché in attesa che le indiscrezioni siano confermate, all'interno del gruppo tedesco il marchio Seat sta assumendo un volto sempre più sportivo: già la Leon 5 porte (leggi qui la prova completa) ci aveva mostrato di aver imboccato la strada della sportività, seguita a ruota dalla Ibiza Cupra (qui la prova completa) e ora è il momento della Leon Sport Coupé.

Sportiva sì, ma a prezzi contenuti: l’immagine che anche Leon vuole dare di sé è infatti quella di auto comunque più economica rispetto alle cugine Golf VII e Audi A3. I prezzi della Leon SC sono in effetti più bassi mediamente di alcune centinaia di euro rispetto a Golf e A3 e vanno dai 17.620 euro della 1.2 TSI da 86 cv ai 26.220 della 2.0 TDI 150 cv FR Start&stop Dsg.

Nel comportamento stradale la Leon SC è infatti molto simile a quello delle cugine tedesche, oltre che a quello della 5p e la ragione fondamentale è con con esse condivide la piattaforma MQB: sulla SC lo sterzo è diretto e preciso e nel complesso il comportamento dinamico è decisamente soddisfacente. Nei cambi di direzione i trasferimenti di carico sono molto contenuti e nei curvoni le sospensioni “copiano” la strada senza mai far scomporre la vettura.

Rispetto alla versione 5p, la Sport Coupé ha il passo più corto di 35 mm (ora misura 423 mm di lunghezza totale) e la linea del tetto più bassa (da 13 a 18 mm); la linea del finestrino posteriore è completamente diversa da quella della 5p e il vetro posteriore è più inclinato di 18°.

Gli allestimenti sono gli stessi della versione cinque porte (Reference, Style, e FR, il più sportivo) e la potenza dei motori, TSI e TDI, va da 63 kW (86 cv) a 135 kW (184 a cv). La versione in prova era equipaggiata con il motore 2.0 150 cv, che si è mostrato regolare e fluido.

Cambi manuale a 5 o 6 rapporti o automatico doppia frizione a 7 rapporti e tanta tecnologia a bordo, in cui spicca lo schermo touchscreen integrato nella plancia da 5” o 5,8".

In arrivo nelle concessionarie a giugno, la Leon SC si potrà ordinare già nei prossimi giorni.

Vuoi sapere tutto sulla Seat Leon SC? Approfondisci su RED Live