Seat Leon ST

Seat presenta l’ultima nata nella famiglia Leon, la ST, variante station wagon della media spagnola costruita sulla piattaforma MQB. Motori benzina e Diesel da 86 a 184 cv

Non manca davvero più nessuno. Dopo Leon 5 porte (leggi qui la nostra prova), nata sotto il claim “enjoyneering” a sottolineare il connubio tra passione spagnola e razionalità teutonica, e Leon SC (leggi qui la nostra prova), variante coupé a tre porte, è ora il momento di Leon ST: lunga 4,54 metri (18 centrimetri in più della cinque porte), mantiene la linea sportiva e dinamica delle sorelle hatchback ma guadagna un sacco di spazio e funzionalità, grazie al bagagliaio che raggiunge la capacità di 587 litri (che diventano 1.470 con i sedili abbattuti): valore ragguardevole per una segmento “C”, anche se non raggiunge la Golf Variant, il cui bagagliaio misura 605/1.620 litri di capacità.

Anche la ST è costruita sulla nota piattaforma MQB, che equipaggia tutte le vetture del gruppo Volkswagn, dalla Golf alla A3; inoltre l'aumento di peso rispetto alle corrispondenti varianti berlina è di soli 45 kg: quindi oltre alla linea, anche alla guida Leon ST non dovrebbe deludere gli animi più sportivi.

La Seat Leon ST verrà inizialmente proposta con otto varianti di motore: 1.2 TSI da 86 e 105 cv, 1.4 TSI da 122 cv e 140 cv ed 1.8 TFSI da 180 cv: Sul fronte Diesel invece si potrà scegliere tra il 1.6 TDI da 90 cv ed il 2.0 TDI da 150 o 184 cv.

L’equipaggiamento sarà pressochè il medesimo delle versioni due volumi e tra le chicche ricordiamo l’Adaptive Chassis Control (DCC), grazie a cui gli ammortizzatori regolabili elettricamente si adattano automaticamente e continuamente, così come il servosterzo elettromeccanico, reagendo alle diverse situazioni di marcia; il Progressive Steering, l’Adaptive Cruise Control (ACC), che permette anche di regolare la distanza dai veicoli che precedono, ed i gruppi ottici con tecnologia Full-LED.
Previsto anche un allestimento FR, il più sportivo, che prevede inoltre le sospensioni a controllo elettronico ed il sistema Seat Drive Profile, che garantisce quattro modalità di guida (Sport, Comfort, Eco e Individual).

Vuoi sapere tutto sul mondo di auto e moto? Approfondisci su RED Live