«Per Mou regaliamo le partite? È un farabutto senza rispetto»

Il rumore dei nemici aumenta di pari passo con le vittorie del Real. Josè Mourinho si becca due giornate di squalifica per aver insultato un arbitro e mentre promette di chiedergli scusa ha già aperto un altro fronte. La vera tempesta si scatena con lo Sporting Gijon e il suo tecnico, Manolo Preciado. Non usa giri di parole l’allenatore per esprimere la sua scarsa stima nei confronti di Josè Mourinho. L’allenatore del Real Madrid, dice Preciado, è semplicemente «un farabutto, una cattiva compagnia». Lo Special One aveva in passato criticato il collega per aver schierato dieci riserve nella gara persa a settembre contro il Barcellona, spianando di fatto la strada ai blaugrana. Preciado non ha dimenticato e in occasione del confronto diretto, che il Gijon ospita domenica, attacca il portoghese. In conferenza Preciado è una furia. «Mourinho non mi sta simpatico, lo dico chiaramente. Lo darei in pasto agli Ultra Boys», ovvero alla parte più calda della tifoseria biancorossa. «Disse che regalammo la gara del Camp Nou - ricorda nelle dichiarazioni riferite dall’edizione online del quotidiano Marca - e magari fu una battuta. Ma ora lo ha ridetto e quindi come battuta è molto cattiva. Se a Madrid nessuno gli spiega cos’è il rispetto, lo farò io. Ci meritiamo lo stesso rispetto che merita lui, non importa quanti “tituli” ha vinto o quanto è “top”. Dire che lo Sporting regala le partite, noi che ci ammazziamo per essere promossi e rimanere in prima divisione... Chi diavolo è per pensarlo e dirlo?». Preciado non si placa e promette battaglia per domenica. «Con le sue parole Mourinho ha mancato di rispetto allo Sporting Gijon e troverà un ambiente rovente».