Mourinho: "Ancelotti? Pensa che siamo pirla"

L'allenatore nerazzurro rispolvera la sua prima battuta in italiano per attaccare il tecnico dei cugini: "Il gol di Adriano irregolare? Allora devono dare tre giornate anche a Inzaghi"

Milano - Mourinho trova il tempo per lanciare una frecciata ai cugini rossoneri anche durante la conferenza stampa della vigilia di Inter-Manchester United. Rispondendo a una domanda sulle lamentele milaniste che ancora continuano, a più di una settimana dal derby, il tecnico nerazzurro ha detto: "Carlo Ancelotti è molto bravo perché anche lui come me gioca con le parole e anche lui come me pensa che gli altri siano pirla".

Inzaghi come Adriano Il tecnico rossonero, a giudizio del suo collega nerazzurro, "non parla del primo derby e del fuorigioco di Kakà e nemmeno della partita di 24 ore fa. La sua fortuna è che Allegri è uno tranquillo. Se l’allenatore del Cagliari avesse la bocca grande come la mia non sarebbe andata così: avrebbe fatto notare il gol del Milan irregolare e avrebbe parlato di Inzaghi che meritava tre giornate di squalifica come Adriano e si sarebbe ricordato anche di Ambrosini che non doveva finire il derby".

Derby di fuoco Secondo Mourinho "il non rosso ad Ambrosini è stato un colpo di fortuna, così invece di parlare di un derby finito 3 o 4-0 si parla di una partita finita 2-1 e che poteva anche finire 2-2. Carlo Ancelotti è bravo e fortunato, ma d’altra parte la fortuna è una qualità importante per gli allenatori ed anche per me".