Mourinho: «Potevamo vincere 5 a 1» Zenga: «Venga ad allenare il Catania...»

Milano. È contento Josè Mourinho e non per le 99 partite in casa senza perdere. «Contano solo i tre punti, soprattutto dopo essere rimasti in 10. Per questo ringrazio i ragazzi, specie chi è tornato dalle Nazionali». L’analisi sul match: «In undici abbiamo giocato davvero bene, potevamo vincere 4 o 5-1 senza l’espulsione. Poi nel secondo tempo abbiamo sfruttato il contropiede e con Mancini e Ibrahimovic potevamo segnare ancora». Un appunto difensivo e uno sulla concretezza: «La loro rete non mi è piaciuta per come è arrivata. E noi dovevamo farne qualcuna di più». Sull’episodio di Muntari: «Tedesco è un giocatore senza fair play, anche se qualcuno chiama questi giocatori “intelligenti”. Comunque Sulley deve stare più attento, purtroppo ha una brutta fama». Walter Zenga, l’allenatore sconfitto, ha idee diverse dal suo collega interista: «Altro che 5-1, in realtà le occasioni migliori l’Inter le ha avute nel finale e ha vinto solo grazie a due autoreti. Comunque non voglio parlare degli altri, sono abituato a parlare delle mie squadre: se ci sono allenatori che a Catania possono fare meglio, che vengano pure».