Movida e residenti: non decideremo pesando i voti

(...) E potremmo avere più chiari gli orientamenti del Tar. Che in passato, è bene ricordarlo, ci aveva invece sempre dato ragione su altri ricorsi (la discoteca My Bali, lo stesso Karma sulla prima ordinanza di corso Lodi e anche l’anticipazione al primo tratto per via Padova non aveva intaccato l’impianto del provvedimento). Recentemente ho stilato un bilancio di queste specifiche ordinanze. E solo ieri il ministro Maroni ha detto che hanno contribuito a un nuovo calo dei reati del 10% per il 2010. Per servire, dunque, servono. Ma il Comune non può trovarsi a recitare il ruolo del vaso di coccio tra residenti che ricorrono alla Procura e il Tar che frena sull’utilizzo degli strumenti che il governo ha messo a disposizione. Ecco i motivi della cautela nei passi che andremo a compiere.
Vengo all’altro aspetto, quello di più agenti a controllo. Il Comune ha fatto il possibile per rispondere al degrado. In quest’area nel 2010 ha impiegato 416 pattuglie, 1.319 agenti, che hanno rilevato 14mila violazioni al codice della strada. In un anno è intervenuta 313 volte, l’ultima questa notte per l’ennesima lite alle Colonne. Talora è stata allertata dai 23 impianti di videosorveglianza che tutelano l’area e che dal marzo 2011 beneficerà anche delle «telecamere intelligenti». Ha poi varato un’ordinanza contro l'utilizzo di bevande alcoliche in vetro dopo le 21. Ma di fronte a 600-700 persone che stazionano in un budello come via Vetere la questione diventa puramente di ordine pubblico. E fa capo a Polizia di Stato e Carabinieri. Ecco perché ho di nuovo sottoposto al Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica il potenziamento del nucleo di soli 10 agenti di Polizia di Stato presenti nel week-end. Anche perché, nell’ipotesi di un'ordinanza anti-degrado, serviranno comunque più uomini per farla rispettare.



*Vicesindaco di Milano