Movimento Treni, bus e auto: un’invasione pacifica già dal mattino

Sono numerosissimi, provenienti da tutte le regioni, i Promotori della Libertà che ieri si sono dati appuntamento al Castello Sforzesco per partecipare all’ultima giornata della festa nazionale del PdL. Si sono organizzati con pullman, treni, in macchina in migliaia da ogni parte d’Italia per poter ascoltare di persona l’attesissimo discorso conclusivo di Silvio Berlusconi, dare il proprio sostegno e manifestare il proprio appoggio all’azione del governo.
«Da tempo - spiega la nota - l’organizzazione movimentista ufficiale del Pdl, coordinata dal Ministro del Turismo, Michela Vittoria Brambilla, si sta strutturando su tutto il territorio nazionale, per gruppi di attivisti pronti a dare nuovo impulso al radicamento del Popolo della Libertà. Questa presenza capillare, che - si precisa - sarà suddivisa nelle 61mila sezioni elettorali proprio come annunciato ieri sera dal Presidente Berlusconi, renderà ancora più efficace l’azione dei Promotori della Libertà, che saranno vicini ai cittadini per raccogliere le loro istanze ed aspettative affinchè siano materia di lavoro per il governo e allo stesso tempo perchè essi siano informati del lavoro svolto dal presidente e dai suoi ministri».
Aderire ai circoli della libertà ora è ancora più semplice, dal momento che non è richiesta l’iscrizione al partito. «Dopo le recenti modifiche al regolamento, è possibile - conclude la nota - aderire ai Promotori della Libertà anche per coloro che non hanno la tessera del partito, mentre il ruolo di capogruppo è riservato ai soli iscritti».