IL MOVIMENTO

Syriza, il partito di sinistra greco che alle elezioni del 6 maggio scorso ha quadruplicato la propria forza, diventando la seconda formazione del Paese, sostiene di volere che la Grecia resti nell’Ue ma non vuole assumersi gli oneri scaturiti dai due Memorandum firmati dai precedenti governi. Il partito, guidato da Alexis Tsipras (37 anni) e formato da una dozzina di correnti, negli ultimi giorni ha molto moderato le sue posizioni e ora sostiene la revisione dell’intesa e non l’abolizione.