Mps, Mussari: «Tutto bene per l’aumento»

da Milano

L’aumento di capitale da 5 miliardi varato da Monte Paschi per rilevare Antonveneta «sta andando bene, siamo molto soddisfatti». All’indomani dell’ok dell’Antitrust alla fusione da cui nascerà il terzo istituto creditizio del Paese, il presidente di Mps Giuseppe Mussari ha lanciato un segnale di serenità ai mercati finanziari. In tensione da giorni davanti allo sforzo affrontato da Rocca Salimbeni per acquisire l’ex popolare padovana dagli spagnoli del Santander (divenuti poi grandi soci di Siena). In tutto 9 miliardi, per trovare i quali Mps ha deciso, oltre alla ricapitalizzazione, un articolato riassetto. Mussari ha quindi precisato che Mps sta «iniziando a lavorare su iniziative commerciali» con il Santander e che «il Sud America è un’area di possibile interesse». Intanto, il Monte ha incassato anche l’ok di Unipol alla ricapitalizzazione: «Abbiamo valutato l’aumento di capitale in un’ottica puramente finanziaria e riteniamo che le condizioni proposte» siano favorevoli alla sottoscrizione, ha annunciato il direttore generale della compagnia assicurativa bolognese, Carlo Cimbri.