Mr Tiscali rinuncia al ricorso contro il sequestro di 3 milioni

Saranno state le prediche a sinistra. O forse è semplicemente strategia processuale, tanto più che con l’Agenzia delle Entrate è stata già avviata la pratica di conciliazione. Comunque, fatto sta che l’ex governatore di Sardegna Renato Soru, ha deciso di rinunciare al ricorso contro il sequestro di beni per tre milioni deciso dai pm che indagano su una presunta evasione fiscale. L’istanza è stata depositata ieri al Tribunale del Riesame di Cagliari, che a questo punto annullerà l’udienza, già fissata per lunedì prossimo. Al centro delle indagini c’è un prestito da 27 milioni di euro che la Andalas, società con sede a Londra e riconducibile allo stesso Soru, ha fatto alla Tiscali finance. La società avrebbe poi restituito il denaro, ma questo non sarebbe mai stato denunciato al fisco. Lo scorso 13 ottobre il provvedimento di sequestro, per ordine della Procura di Cagliari. Un atto dovuto, avevano spiegato gli avvocati che adesso hanno annunciato la rinuncia al ricorso contro la misura preventiva. L’ex presidente della Sardegna ha sempre sostenuto di aver agito, in questa vicenda, nella massima trasparenza.