Mubarak ospite per quattro giorni del Cavaliere

da Olbia

È sbarcato ieri in tarda mattinata all’aeroporto «Costa Smeralda» di Olbia il presidente egiziano Hosni Mubarak, che trascorrerà quattro giorni a Porto Rotondo, ospite del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.
Il leader del Cairo si tratterrà con la moglie Suzanne a Villa Certosa per una «working visit», ossia una vacanza in cui però ci sarà modo di discutere della situazione mediorientale. A Palazzo Chigi si tiene un profilo basso, nel tentativo di limitare alla sfera privata la visita del raìs egiziano, da 27 anni alla guida del suo Paese. Non sarà dunque prevista una conferenza stampa, ma già da oggi sono in programma colloqui politici a porte chiuse, tanto che le agenzie parlano già di Villa Certosa come di una nuova Camp David, la residenza del Presidente degli Usa in cui spesso vengono ricevute le alte cariche straniere (ricordata anche per essere stata teatro degli accordi nel 2000 tra israeliani e palestinesi).
«Non si tratta della politica “delle pacche sulle spalle” - ha chiarito Berlusconi -, ma di un impegno concreto per migliorare la situazione in Medio Oriente». Tanto che il premier ha subito dimostrato la sua apertura all’Egitto spingendo per una partecipazione del Cairo al prossimo G8. L’invito a Villa Certosa era stato rivolto a Mubarak a giugno, durante il primo vertice italo-egiziano. E il leader nordafricano - come anticipato a suo tempo dal Cavaliere - ha accettato con piacere.