«Muhammad Alí sta molto male»

Los Angeles. «Ho la sensazione che la malattia di mio padre stia avanzando». Sono le parole di Laila Alì, figlia di Muhammad Alì, in un'intervista al «Los Angeles Times». L'ex pugile, oggi 63enne, da tempo è affetto dal morbo di Parkinson. «Ho notato dei cambiamenti, legati alla malattia», dice la 27enne, che 6 anni fa ha intrapreso la carriera di pugile professionista. «Per me è una situazione dolorosa perché vorrei sedermi e parlare con mio padre, chiedergli com'era lui alla mia età. Purtroppo, però, non posso farlo. Non posso condividere con lui molte cose... Non parliamo di pugilato. Potrebbe venire a vedere un mio incontro e dirmi “Non vali niente”. In questi ultimi tempi, poi, parla poco in generale: è diventato troppo faticoso per lui, è uno sforzo che richiede molte energie. Mio padre si sente intrappolato nel suo corpo».