Mullah decapita otto uomini: «Sono spie»

I francesi scappano da Kabul: i 200 uomini delle forze speciali via all’inizio del 2007

da Londra

Il capo militare dei taleban, il mullah Dadullah, è stato filmato mentre decapita otto uomini accusati di essere delle spie degli americani e dei britannici in Afghanistan. Lo scrive il Times nella sua edizione online. In una serie di fotogrammi consegnati da Dadullah all’emittente televisiva pachistana Geo, si vedono gli otto afghani che confessano i loro crimini e che poi giacciono nella polvere con le mani e i piedi legati.
Secondo un comunicato dei taleban nel video si vede Dadullah che decapita gli otto uomini e poggia le teste sul torace delle vittime. Nelle immagini diffuse però il volto del boia non si vede. Il filmato afferma che i giustiziati sono spie che lavorano per i «cristiani e i crociati». Queste immagini, che arrivano durante una intensa campagna dei taleban contro le forze straniere in Afghanistan, sembrano girate e diffuse per terrorizzare gli afghani in modo che non cooperino con la coalizione guidata dagli Stati Uniti. La campagna di terrore fa invece scappare i francesi. Sembra infatti che i 200 uomini delle forze speciali francesi impegnate in Afghanistan lasceranno il Paese all’inizio del 2007.