Multa da 100mila euro per il senatore Lannutti

La sanzione è stata inflitta al presidente dell'associazione di consumatori Adusbef - senatore dell'Idv - per aver rilasciato un'intervista sulle svalutazioni effettuate dalla banca nel 2007 che ne ha penalizzato l'andamento in Borsa

La Consob ha multato il presidente dell'Adusbef e senatore dell'Italia dei valori, Elio Lannutti, per manipolazione del mercato delle azioni Unicredit.
Secondo quanto si legge sul bollettino della Commissione, Lannutti dovrà pagare una sanzione pari a 100mila euro, «il minimo edittale».
La vicenda prende il via il 16 ottobre 2007, quando sul quotidiano Finanza & Mercati appare un articolo in cui Lannutti dichiara: «Secondo i nostri calcoli ... il mark to market di Unicredit è negativo per 4-5 miliardi. Si tratta di uno scandalo grosso dieci volte quello di Italease».

Subito risponde Unicredit, che in un comunicato quantifica l'ammontare della posizione creditoria netta nei confronti dei propri clienti «pari a circa un miliardo di euro alla data del 30 giugno 2007».
Nonostante la precisazione, quel giorno il titolo Unicredit subisce perdite in Borsa, registrando «la performance peggiore tra i principali titoli del settore bancario», ricorda la Commissione di controllo sulla Borsa.

Secondo la Consob, zla condotta illecita accertata è stata posta in essere quantomeno con colpa - anche avuto riguardo al profilo professionale dell'autore della violazione - e che essa, stanti le evidenze in atti, non appare sintomatica di un atteggiamento funzionale al perseguimento di vantaggi di natura economica».
L'Adusbef è responsabile in solido del pagamento della multa.

Annunci Google