"Multe da annullare al capo. Rifiutai: mi hanno silurato"

«Al Sisde ho ricoperto con soddisfazione vari incarichi, ottenendo encomi, elogi, riconoscimenti e apprezzamenti al contrario di molti altri colleghi, ancora in organico, colpiti da provvedimenti disciplinari e/o giudiziari. Poi un giorno il mio capo ufficio nel tentativo di farsi annullare una multa mi chiese di compilare una lettera nella quale doveva risultare che l’auto (di sua proprietà) al momento della contestazione era utilizzata per motivi d’ufficio, e quindi si chiedeva l’annullamento. Non ho inteso aderire e questa lettera è stata compilata da un collega. Sono poi venuto a sapere che con questo sistema il capo ufficio era riuscito a farsi annullare una serie considerevole di multe. Dal giorno del mio rifiuto, il suo atteggiamento cambiò. Devo ritenere che il mio nome è stato da lui segnalato, visto che il collega che ha redatto la lettera al posto mio, pur essendo più anziano, è rimasto in servizio. Io no».