Multifunzioni per tutte le tasche

Dal QTek al Motorola ecco i protagonisti del mercato della telefonia mobile

Massimo Carboni

da Milano

Come sarà il cellulare del futuro? Funzionale, pieno di opzioni, accessori e certamente sottile. Già perché è questa la tendenza che emerge in modo deciso dal mercato. Il vasto pubblico sembra apprezzare in modo sempre più deciso i cellulari con un profilo minimo, quasi impalpabile. Una tendenza edonistica che è stata in qualche modo tracciata dall’ormai diffusissimo Motorola Razor v3, uno dei telefonini di maggior successo dell’ultimo periodo che incarna in modo mirabile i nuovi canoni di estetica: solo 14 millimetri di spessore nonostante l’apertura a conchiglia. Volendo, si tratta poi anche di un ottimo telefono quadri band con generoso display 176x220 pixel, in grado di supportare filmati compressi con lo standard mpeg4, quindi anche .3gp. Non ha un vero e proprio sistema operativo sullo stile Symbian, tanto caro ai possessori di Nokia, ma consente comunque di utilizzare una vasta gamma di giochi e applicazioni in java. Ha inoltre una fotocamera integrata. Ormai si trova, dopo il lancio iniziale, ad un costo di 160 euro circa in diversi colori. Se Motorola ha fatto da apripista, gli altri non hanno tardato a seguirla. È il caso di Nec che ha lanciato quello che a buon titolo può essere giudicato come uno dei cellulari esteticamente più riusciti. Si parla dell' e949 e dei «suoi fratelli» ossia l’N412i e l’N500iS. Il primo racchiude tutto in 11,9 millimetri di sezione: camera da 1.3 megapixel, Mp3 player connettività Bluetooth, Sync ML per trasferire dati da e per il pc e PictBridge per stampare immagini direttamente dal telefono. È in grado di visualizzare video e anche di registrarli. Stessa dimensione e stesse funzioni per N412i, mentre N500iS si distingue con i suoi 13.6 mm che racchiudono la tecnologia Edge per una connessione Internet superveloce. Prezzi a partire da 290 euro circa. Si tratta evidentemente, leggendo le dimensioni dello spessore, di cellulari davvero sottili, eppure se si vuole esagerare nulla è meglio del nuovo Samsung P300. Cellulare Tri-Band con fotocamera da 1,3 megapixel inclusa. L’estetica non è forse il suo punto di forza, assomiglia molto da vicino ad una calcolatrice tascabile, eppure i suoi numeri sono davvero impressionanti, a partire dallo spessore: solo 8,9 millimetri. In questo spazio tanto angusto trovano spazio ben 80 Mb di memoria per archiviare foto e filmati e 4 Mb di memoria dedicata per i giochi e le applicazioni in Java. Anche il display è in linea con le nuove tendenze di categoria: 220x176 pixel, ovvero lo standard dei video in download e streaming. Molto bello, sottile, ma, soprattutto funzionale, il nuovo Qtek 8500. Ha una fotocamera integrata Cmos da 1.3 Megapixel con risoluzione massima 1.280x1.024 pixel. Tuttavia la sua caratteristica principale è data proprio dalla dotazione di software che ne fa uno smartphone a tutti gli effetti. Le sue applicazioni sono integrate nel sistema operativo WM5, oltre ad alcune aggiunte di Htc: un visualizzatore di documenti Office Word, Excel, Ppt e Pdf, un Editor Foto e Video, Photo Caller ID e una Java virtual. Il suo prezzo si aggira intorno ai 399 euro. Eppure in questa particolare classifica dei cellulari ultraslim, lo scettro di cellulare più sottile al mondo spetta con ogni probabilità al l'EV-K100 realizzato da Ktf. È lungo 103,9 millimetri e largo poco meno di 50. Ma, soprattutto, è spesso solo 7,9 millimetri, per un peso complessivo che non supera i 60 grammi. Nonostante queste dimensioni bonsai, l’EV-K100 ha una fotocamera integrata da 1,3 megapixel e un display di 176x220 pixel. Per il momento per acquistarlo bisogna andare nel lontano oriente in Corea o Giappone, tuttavia non si esclude una sua commercializzazione anche in Europa.