Munich Re brilla a Francoforte

Le speranze di una pausa nell’aumento dei tassi Usa, dopo la manovra della Bce, hanno ridato tono a New York, con i tre indici principali che sono cresciuti di oltre l’1%. Tra i pochi comparti in controtendenza quello dei grandi magazzini, con Wal Mart e Target che perdono terreno. L’ottimismo che sembra regnare nelle Borse statunitensi si riflette anche sulle piazze asiatiche che ieri hanno registrato performance cospicue, con l’indice Nikkei in rialzo dell’1,8% oltre quota 15mila; bene anche Hong Kong, in crescita dello 0,9%. Borse europee tutte in crescita, con l’indice di Parigi che è risultato il migliore. Sulla piazza francese ha brillato StM (più 3,7%); in crescita anche Renault (più 3,5%) e Thomson (più 2,6%). Richiesta Safran (più 3,3%) alla conferma della cessione di attività aziendali. A Londra di scena i petroliferi, con Bg Group in rialzo del 3,8%, mentre a Francoforte brilla Munich Re che si è apprezzata di oltre il 5 per cento.