«Municipalizzate sono invadenti»

da Milano

«In Italia la pubblica amministrazione ha ancora un ruolo eccessivamente invasivo, talvolta addirittura oppressivo. E uno strumento di oppressione del mercato sono proprio le municipalizzate, sia per il conflitto di interessi che rappresentano, perchè stabiliscono lo standard qualitativo quando sono amministrazioni pubbliche e poi lo attuano come imprese concessionarie, sia perché si avvantaggiano della posizione di forza sul mercato municipale per invadere altri mercati». Il presidente dell'Antitrust, Antonio Catricalà, è tornato così, nel corso di un'intervista a Repubblica Tv, sul tema dei rischi collegati all'attività delle ex municipalizzate nel campo dei servizi. Secondo Catricalà, il processo di liberalizzazione avviato in Italia negli scorsi anni «sembra rallentato, sia per quanto riguarda le privatizzazioni delle società che hanno le reti strategiche, sia per le reti locali. Anzi, le municipalizzate sono cresciute in maniera esponenziale».