Il Municipio che si riunisce a Ferragosto

Pensare che c’è chi vuole abolirli. Pensare che c’è chi crede che non servano a nulla. Pensare che c’è chi ancora non capisce come funzionino e che ruolo abbiano. Sono i tanto vituperati municipi della città di Genova, nati un anno e poco più fa con l’idea di rivoluzionare una città e relegati in un angolo dal sindaco Marta Vincenzi che a valorizzarli, per adesso, proprio non ci pensa.
Nonostante questo, nonostante tutto, i municipi di mole di lavoro sembrano averne talmente tanta da smaltire che non si fermano nemmeno in agosto. È chiuso il parlamento, sono sospese le sedute dei consigli regionali, di quelli comunali e provinciali. Anche il parlamento europeo ha osservato il ferragosto.
Non il Municipio IX Levante che, lunedì sera alle 21, si riunirà in seduta ordinaria per discutere il suo ordine del giorno. Non c’è festa che tenga. In una città semideserta per il riposo vacanziero, ventiquattro volenterosi consiglieri di municipio si ritroveranno per affrontare i problemi delle delegazioni. Risposte che non si sono avute durante un intero anno di lavori, troveranno una soluzione in una notte d’estate. Magari con una seduta sotto le stelle. Magari con l’illuminazione di qualche assessore rientrato in fretta e furia dalle vacanze e con la testa rilassata dalle camminate in montagna o da bagni al mare.
La solerzia e la generosità di questi amministratori andrà sicuramente premiata. Altro che pause ferragostane. La necessità di lavorare per il quartiere richiama tutti dalle ferie. I delatori di una iniziativa del genere hanno pensato che dietro a tutto questo si nasconda un tentativo per «racimolare» un gettoncino in più. Accusa rispedita al mittente da Salvatore Bevilacqua, assessore della giunta guidata dal presidente Francesco Carleo: «Abbiamo deciso di riunirci domani perché contandoci ci siamo resi di conto di esserci tutti- spiega l’assessore municipale-. La scelta del 18 agosto non è per nulla pretestuosa. Da quando abbiamo iniziato il ciclo amministrativo abbiamo limitato al massimo il numero dei consigli anche per razionalizzare le spese e non ci sembrava quindi giusto osservare anche una pausa estiva».
Così domani sera alle 21 il consiglio di Municipio si riunirà per discutere anche di temi di una certa rilevanza, come il regolamento per i lavori e la gestione del Municipio stesso, la concessione di una serie di patrocini e l’approvazione di una parte del bilancio della divisione amministrativa. «È vero che non si tratta di argomenti su cui c’è una necessità particolare di intervento immediato, ma ci sembrava giusto mantenere una certa continuità nel nostro lavoro - prosegue ancora Salvatore Bevilacqua-. Meglio così, secondo noi, che fare lunghe pause alla fine delle quali ci si ritrova con molte cose da smaltire».
Armati di ventaglio, i ventiquattro consiglieri saranno presenti sui banchi nell’unica sede politico amministrativa che non «osserva» il fermo turno di ferragosto. Peccato che non si riuniscano nel fresco dei parchi di Nervi.