Muore il marito Dopo 3 giorni si butta nel vuoto

Rimasta vedova da tre giorni, non ha retto per il dolore della perdita del marito e si è gettata dal secondo piano di una clinica a Piacenza dove era stata ricoverata poche ore dopo l'incidente stradale in cui era morto il consorte. La caduta è stata fatale e la donna è deceduta sul colpo. La vittima, aveva 54 anni, il marito - 57 - era deceduto in un incidente stradale sabato pomeriggio. L'uomo era in sella alla sua moto e stava percorrendo la strada del Bagnolo, che collega la Valnure alla Valtrebbia da Ponte dell’Olio a Rivergaro, quando - imboccando una curva a gomito - era andato a sbattere contro un’auto che proveniva dalla direzione opposta. Poche ore dopo l'incidente la vedova, che abitava con il marito ad Albarola di Vigolzone (la coppia non aveva figli né parenti), era rimasta vittima di dell'esplosione della bombola del gas installata nell'appartamento. Ustionata in modo leggero era stata ricoverata in clinica a Piacenza. L'esplosione della bombola era stata archiviata come un incidente domestico, ma dubbi gravavano sul fatto che anche quello fosse stato un tentativo di compiere un gesto disperato. «Lui era un persona bravissima», racconta un ex pilota motociclista di enduro e campione italiano della specialità, attualmente gestore dell'agriturismo «La Ca» situato a poca distanza da dove è avvenuto l'incidente stradale, costato la vita al suo amico. «Venerdì sera, poche ore prima della disgrazia, era qui da me, abbiamo bevuto un bottiglia di vino insieme e avremmo dovuto vederci il giorno dopo. Dopo l'incidente sono andato a trovare sua moglie, ho cercato di tranquillizzarla, loro due erano legatissimi e lei era molto affezionata al marito, viveva solo per lui, poi è successo che è scoppiata la bombola del gas e l'hanno portata all'ospedale, ma lei non poteva stare senza di lui».