Muore nell’auto che si ribalta, grave l’amica

Il sostituto procuratore generale Sinagra investito da uno scooter a Paraggi: se la caverà in 40 giorni

Un sabato nero, quello di ieri, sulle strade. Un milanese è morto sulla A26 Alessandria - Voltri: verso le 15,30 Angelo Furi, 39 anni, ha perso il controllo dell’auto, che si è poi ribaltata nella galleria Pelogrosso, all’altezza di Voltri. L’uomo è morto sul colpo, mentre la donna che viaggiava con lui, Simona Formenti, 36 anni, anche lei di Milano, è ricoverata in gravi condizioni all’ospedale San Martino di Genova. La carreggiata in direzione Genova è stata chiusa per alcune ore.
Due incidenti, invece, sono avvenuti nella mattinata: alle 5,30 a Sesto Marelli un sudamericano ha perso il controllo dello scooter, andandosi a schiantare contro il gard-rail del cavalcavia Buozzi, perdendo la vita. A Cinisello, alle 10, un giovane motociclista è rimasto schiacciato contro un muro da un furgone che stava svoltando. L’autista non si è accorto dello scooter che lo stava superando e lo ha travolto. Via Copernico è stata chiusa per un’ora, mentre i vigili del fuoco estraevano il ragazzo, incastrato tra il muro e il furgone, che se l’è cavata con numerose fratture agli arti.
Se la caverà in 40 giorni, invece, Salvatore Sinagra, sostituto procuratore generale di Milano, investito da uno scooter mentre passeggiava a Paraggi, lungo la strada per Portofino. Sinagra è stato soccorso dal motociclista e dai medici della Croce Verde che l’hanno trasportato al pronto soccorso dell’Ospedale San Martino di Genova. Il sostituto procuratore, in vacanza in Liguria, era impegnato fino a pochi giorni fa nel processo per l’incidente aereo di Linate.