Muratore buca soffitto del ristorante: arrestato

Tutta colpa dello scalpello troppo performante. O magari dell’eccessiva forza impressa a quell’ultima martellata. Ma chi avrebbe mai potuto pensare che facendo un buco di troppo nel pavimento, un muratore si sarebbe potuto ritrovare in galera? È invece finita proprio così per un manovale ecuadoriano che insieme ad altri colleghi stava lavorando alla ristrutturazione di un appartamento. Giovedì verso le 15, il titolare del ristorante «Schooner» di salita Pollaiuoli si è infatti visto crollare il soffitto in testa. Tutta colpa dei muratori maldestri che stavano lavorando al piano di sopra. Il ristoratore, molto irritato per l’accaduto, ha chiamato la polizia. Gli agenti delle Volanti, appena intervenuti, hanno identificato i manovali, scoprendo che stavano lavorando senza essere messi in regola. Così hanno denunciato in stato di libertà l’imprenditore edile, anch’egli ecuadoriano, reo di aver impiegato manodopera senza permesso di soggiorno. Ma peggio è andata a finire per un manovale ecuadoriano, magari lo stesso responsabile della martellata «vigorosa» che ha fatto il buco nel pavimento. L’uomo, essendo privo di permesso di soggiorno, è stato arrestato.