A Murdoch il sito che trova le «voci»

Blinkx

La News Corp di Rupert Murdoch è in trattative per rilevare Blinkx, un motore di ricerca online indipendente con sede a San Francisco. L’iniziativa conferma il crescente peso del Web nei piani di espansione della News Corp. A luglio è partita Fox Interactive, la divisione di contenuti online destinata a essere scorporata in una società autonoma, e sono stati spesi 580 milioni di dollari per acquisire da Intermix Media il controllo di MySpace.com, sito di entertainment per il pubblico giovanile. La società Blinkx è stata creata nel 2003 e l’anno scorso ha fatto debuttare il suo motore on line: consente di trovare programmi radio e tv ricercando una parola o una frase precisa pronunciata al loro interno. Alla base di questo sistema c’è un programma di riconoscimento vocale. Dal motore di ricerca americano vengono indicizzati anche i videoblog, fratello minore del blog.