Muro di Berlino, il Pdl in piazza: «La libertà è sempre da riconquistare»

Tutti in piazza per celebrare la caduta del muro di Berlino. Letizia Moratti, Roberto Formigoni, Guido Podestà, Ignazio La Russa, Riccardo De Corato parteciperanno alle manifestazioni che durante il week end animeranno le piazze delle città lombarde. L’appuntamento milanese è alle 16 e 30 in piazza San Carlo. A Bergamo sarà ospite della festa anche il direttore del Giornale, Vittorio Feltri. In tutto si tratta di circa sessanta iniziative, avviate ieri sera a Monza e che andranno avanti fino a lunedì nove novembre, il giorno della caduta del muro, quando in tutte le città capoluogo saranno abbattuti muri di cartone.
Il coordinatore del Pdl, Guido Podestà, spiega lo spirito della manifestazione citando il leader del Pdl e la sua battaglia anticomunista: «La libertà è come la salute, come l’aria, te ne accorgi quando smetti di averla. Va riconquistata ogni giorno. Sono parole di Silvio Berlusconi. Negli ultimi quindici anni, nessuno come lui ha lottato per la libertà politica, di fede e di pensiero, per la libertà di esprimere un’idea anche totalmente diversa dalla nostra». Il vicecoordinatore del Pdl, Massimo Corsaro, critica i volantini della Fgci romana che sottolineano i problemi nati dopo la caduta dell’Urss e i tempi del muro: «Siamo passati dall’ignavia all’imbecillità».
Altro appuntamento di giornata è la celebrazione dell’unità nazionale e delle Forze armate. «Festeggiamo alla caserma Santa Barbara e in piazza Duomo insieme col sindaco Moratti» spiega La Russa. E De Corato ringrazia il governo per l’operazione Strade sicure: «I nostri militari oggi presidiano ben trentuno aree critiche di Milano». Ad Arconate, il sindaco e sottosegretario ai Trasporti, Mario Mantovani, unificherà le due ricorrenze, con la caduta del finto Muro di Berlino in un liceo della città e l’intitolazione di un tratto di via pedonale ai ragazzi del ’99.