Muscoli più elastici postura perfetta e benessere psicologico

È adatta alla casalinga di mezza età ma anche all’atleta in perfetta forma

«Il pilates è una ginnastica globale». È forse questa la definizione che sintetizza meglio le caratteristiche di questa disciplina. Parola di Marina Pratesi, insegnate del Centro CovaTech Pilates Studio2 di Milano, fondato da Anna Maria Cova. «È uno sport - spiega - che sviluppa in modo armonico i muscoli e permette di migliorare i movimenti del corpo. Fa bene soprattutto alla colonna vertebrale e alle articolazioni. Inoltre contribuisce ad aumentare l'elasticità e la flessibilità del corpo». Gli esercizi a terra e quelli con le macchine agiscono su tutti i muscoli. L'esigenza di controllare ogni movimento e la respirazione migliora la capacità di concentrarsi. «In effetti - continua Marina Pratesi - la caratteristica principale del pilates è che agisce in modo specifico sul baricentro, e quindi sulla parte centrale del corpo come addome, glutei e interno cosce. I movimenti e le posizioni devono essere controllati. In questo modo viene coinvolta anche l'attenzione». I vantaggi sono immediati. Non soltanto in termini estetici. Questa disciplina è usata come tecnica riabilitativa post operatoria e come allenamento per moltissimi atleti. «Per molto tempo - dice Paola Pratesi - il pilates è stato utilizzato dai ballerini per tenersi in forma. Poi altri atleti hanno scoperto la sua efficacia. Tanto che è stata inserita nel programma di allenamento della nazionale di rugby australiana. Inoltre, è considerata una tecnica importante nei programmi di riabilitazione dei pazienti che hanno subito interventi chirurgici». Non esiste, quindi, un target specifico. Anche questo fa del pilates uno sport globale. «Certo - conclude l'istruttrice - gli esercizi possono essere modulati in base alle esigenze di chiunque». Così che è ideale per una casalinga di mezza età e per un atleta in perfetta forma.