Il museo garibaldino festeggia cento anni

Molte celebrazioni nella città che vide le camicie rosse sconfitte dai soldati franco-pontifici

Un anniversario davvero speciale quello del museo garibaldino di Mentana, che compie cento anni. E per festeggiare l’avvenimento, nella cittadina sono stati indetti tre giorni di festeggiamenti che si sono conclusi ieri mattina con un doppio appuntamento: l’inaugurazione della nuova ala del museo e una cerimonia commemorativa al Parco della Rimembranza, sotto l’Ossario con i resti dei volontari garibaldini, caduti durante la battaglia di Mentana, dove il 3 novembre 1867 affrontarono le truppe franco-pontificie e furono sconfitti dai meglio armati reggimenti francesi.
«Questo luogo per i mentanesi è sacro, e prelude all’unità d’Italia», ha detto nel suo discorso il sindaco di Mentana, Guido Tabanella, affiancato da tutti i primi cittadini dei comuni dell’area. Per ricordare la celebre battaglia sono stati allestiti anche due campi animati da garibaldini.
Commosso il direttore del museo, Francesco Guidotti. E anche il Capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi, ha voluto inviare un telegramma: «Esprimo vivo apprezzamento per la rilevanza storica e culturale dell'iniziativa. Valorizzare i luoghi e la memoria delle battaglie risorgimentali contribuisce a rafforzare nella coscienza collettiva la consapevolezza degli eventi e dei valori di un momento importante della storia nazionale».