Dal museo al parrucchiere, sconti per i giovani con la card della Provincia

Si estende da 14 a 30 anni la fascia di età per richiedere la Carta Giovani, che dà diritto a offerte speciali in Italia e in Europa. E parte il concorso fotografico «Io nel mio mondo» che darà la possibilità di vincere corsi di lingua all'estero e macchine fotografiche.

La fascia di età si estende da 14 a 30 anni, ci sono nuove convenzioni (dai negozi di ottica ai centri estetici, autoscuole, scuole di musica e di lingua) e un concorso fotografico con ricchi premi. Sono queste alcune delle novità della Carta Giovani della Provincia di Milano. La Carta si può usare sia in Italia che in Europa e viene rilasciata gratis a tutti i ragazzi dai 14 ai 30 anni non compiuti, residenti o domiciliati nella provincia. È possibile richiederla negli Uffici tesseramento indicati sui siti www.provincia.milano.it/giovani e www.cartagiovani e dà diritto a promozioni e sconti che vanno dagli ingressi ai musei ai negozi dello shopping, le novità e le offerte si possono consultare on line. Attualmente sono 117 i Comuni del territorio che aderiscono al progetto e 70mila le carte consgenate.
La card, spiega l'assessore alle Politiche giovanili Cristina Stancari «è uno strumento concreto che vuole agevolare i giovani nella loro vita quotidiana grazie alle 658 convenzioni locali stipulate ad oggi, a cui si aggiungono quelle nazionali e on line». Quest'anno i ragazzi hanno un'opportunità in più, quella di partecipare al concorso «Io nel mio mondo». Attraverso uno scatto fotografico i giovani di Milano e provincia potranno raccontarsi e partecipare alla mostra fotografica itinerante che sarà realizzata con i ventisei migliori scatti. Per partecipare è necessario inviare la propria fotografia entro il 28 febbraio 2011. Una giuria di esperti sceglierà i sei scatti migliori, i vincitori riceveranno in premio due settimane di un corso d'inglese in generale in Gran Bretagna, visite oculistiche complete di esami diagnostici, 3 macchine fotografiche Ricoh, apparecchi tecnologici e abbonamenti a riviste.