Museo della Shoah, Podestà inaugura la raccolta fondi e dona 5mila euro

Parte la sottoscrizione popolare lanciata dalla Provincia per raccogliere i fondi che mancano a completare il progetto del Memoriale. Incontro a Palazzo Isimbardi con il presidente della Fondazione per illustrare il progetto. Podestà: Tanti cittadini saranno pronti a contribuire».

Parte la raccolta fondi lanciata dalla Provincia per trasformare il Binario 21 della stazione Centrale nel Memoriale della Shoah. Ad aprirla il presidente Guido Podestà, che verserà a titolo personale una somma di 5mila euro. In vista delle commemorazioni programmate per celebrare il 27 gennaio la Giornata della memoria e anche della partenza il 28 in treno di 600 studenti del milanese alla volta di Auschwitz per i «Viaggi della Memoria» organizzati ogni anno dall'ente, Podestà incontrerà oggi il presidente della Comunità ebraica di Milano Roberto Jarach e gli illustrerà la proposta, avanzata il 15 gennaio, di promuovere una sottoscrizione popolare a favore della Fondazione Memoriale della Shoah. Vengono quantificati, in 6 milioni di euro i fondi necessari per ultimare la realizzazione della biblioteca, dell'auditorium e delle altre strutture progettate per trasformare in un Museo dell'Olocausto gli spazi della Stazione Centrale (lato via Ferrante Aporti) dai quali, utilizzando il Binario 21, migliaia di ebrei e prigionieri politici furono deportati nei campi di sterminio nazisti.
«L'antisemitismo è una malabestia che continua a risorgere - ha dichiarato Podestà -. Per questa ragione, dobbiamo tenere viva la memoria dell'Olocausto anche realizzando il Memoriale. Credo che, indipendentemente dagli impegni economici assunti dagli Enti pubblici, tantissimi cittadini vogliano contribuire direttamente in base alla propria disponibilità finanziaria. Io, che non sono un milionario, verserò 5.000 euro a titolo personale sul conto corrente messo a disposizione dalla Fondazione».