Musica pop e riflessione: ecco lo show per il Papa

Claudio Baglioni, Lucio Dalla, le Vibrazioni, l’Ave Maria cantata da Andrea Bocelli, un pezzo per orchestra scritto ad hoc da Giovanni Allevi. E ancora brani dei Padri della Chiesa letti da attori come Alessandro Preziosi e Giancarlo Giannini e testimonianze «estreme» di vita, tra le quali quella di padre Giancarlo Bossi, rapito per 39 giorni nelle Filippine. Sono gli ingredienti de La notte dell’Agora, la serata che Raiuno e il produttore Bibi Ballandi stanno preparando per l’1 settembre in prime time, in occasione del raduno dei giovani cattolici a Loreto con Papa Ratzinger. «Sarà un evento che stimola la riflessione», dice il capoprogetto Giampiero Solari. La serata, in diretta dalla valle di Montorso, non avrà la figura tradizionale del conduttore «perché non vogliamo fare uno spettacolo, ma un racconto», sottolinea padre Alfredo Ferretti, ideatore del progetto. «Apriremo col collegamento in diretta con la Santa Casa di Loreto - spiega - dove si troverà il Papa. La serata si articolerà in quattro momenti: il turbamento della ricerca, l’incontro con Dio, l’incontro che cambia la vita, l’incontro che diventa testimonianza. Molto forti - promette - saranno le testimonianze di vita di alcuni giovani raccontate in questa agorà: la piazza, il luogo per parlare e confrontarsi».