La musica racconta i mondiali di calcio

Roberto Corsi

Il sogno dei mondiali di calcio viene rivissuto, in chiave musicale, a cena, grazie a una serie di serate ideate da Vittorio Sirianni a Rapallo. Il titolo dello spettacolo è: «Notti Magiche-La storia dei mondiali di calcio attraverso le canzoni d’epoca». L’inizio di questa maratona sportivo-musicale è questa sera a partire dalle ore 20 e il posto è l’osteria Vecchia Rapallo.
A rispolverare quei vecchi brani, molti dei quali delle vere e proprie «comete» che hanno vissuto una brevissima ma intensa popolarità e poi sono state messe in soffitta, è la «Band della Vecchia Osteria» affiancata dalla voce di Maria Luisa Rigoli. La narrazione di Vittorio Sirianni prenderà il via dal 1930 in Uruguay cioè durante il primo mondiale di calcio e si snoderà di decennio in decennio fino ai nostri giorni. Questa storia sportiva sarà intrecciata con molti riferimenti a Genova, al Genoa e alla Sampdoria con particolare attenzione a quei giocatori che oltre che essere prestigiosi protagonisti di quelle competizioni internazionali lo erano anche nei club genovesi.
Basti ricordare giocatori come l’argentino Stabile che fu capocannoniere del primo mondiale e attaccante del Genoa, Ernst Ocwirk austriaco che giocò nel centrocampo della Samp negli anni ’60 e il più recente brasiliano Toninho Cerezo.
Questi intrecci che senza dubbio interesseranno non solo i cultori di questo sport ma anche chi sente la nostalgia di quegl’anni, sono stati ricostruiti non solo da Sirianni ma anche da Marco Colla, tuttologo genoano che vinse il popolare programma «Lascia o raddoppia» di Mike Bongiorno.
Si viaggierà attraverso gli eventi sportivi senza precedenti, trasportati dalla musica di brani come: «Just a gigolo», «Sotto le stelle del jazz» di Paolo Conte, «Un giudice» di Fabrizio De Andrè (altro riferimento a Genova), «Prima dammi un bacio» di Lucio Dalla e altri «hit» di artisti come Ivano Fossati, Venditti, Baglioni, i Beatles. Insomma tutte le voci che hanno fatto non solo la storia della musica di quegli anni ma anche la colonna sonora dello sport nei suoi momenti più spettacolari.
Lo spettacolo però oltre che essere musicale e sportivo sarà anche gastronomico: prima dell’inizio di ogni notte magica ci sarà infatti una cena preparata dalla cucina della trattoria che varierà di venerdì in venerdì il proprio menù passando dalla cucina tradizionale ligure a specialità toscane e del sud Italia. Oltre alle pietanze cambieranno sempre gli ospiti, molti dei quali celebri e ci saranno anche premiazioni di sportivi liguri che si sono distinti nelle loro discipline. Non manca dunque nessun ingrediente alla ricetta della Vecchia Osteria e dell’ideatore Sirianni per fare di queste serate delle serate magiche, non solo per gli appassionati di calcio ma anche per chi ama la musica, la buona cucina e il ricordo dei bei tempi andati o a chi piacciono tutte queste cose insieme.