Musica, teatro, risate Anche a Genova il Mondomare Festival

Il via il 6 giugno a Sanremo. Oreglio, Dighero e Vergassola il 4 e 5 luglio

È Genova il punto focale di questa terza edizione di Mondomare Festival, che dopo aver lambito per due anni tutte le province della nostra regione, ritorna nel capoluogo, al suo mare, prolungando di una settimana il suo cartellone. Si tratta di un'iniziativa che si articola in 300 chilometri di costa ed è versata a sviluppare il suo rapporto con il mare. Lo scorso anno ha portato nella nostra regione ben 25.000 spettatori, cifra che si conta di superare quest'anno dal momento che, come afferma l'assessore Fabio Morchio, «è l'iniziativa più importante a livello culturale che si fa in Regione».
Quest'anno gli eventi saranno 131, contro i 109 dello scorso anno e le locations saranno cinque, con la novità della tappa genovese. La struttura è quella delle edizioni precedenti, spiega Giorgio Gallione, in cui artisti, scrittori, scienziati, filosofi e gastronomi esploreranno il «continente mare» e lo racconteranno a tutti nella loro maniera. E questa grande organizzazione è possibile grazie alla collaborazione tra Associazione Mondomare con gli enti locali che sono il Comune di Sanremo, di Savona, di Lavagna, di Lerici e di Genova, e con l'importante, per non dire fondamentale, contributo di Compagnia di San Paolo e Fondazione Carige. Il Prof. Lorenzo Caselli di Compagnia San Paolo ci tiene a sottolineare che il sostegno fornito quest'anno è stato raddoppiato su una base di un profondo apprezzamento attento all'iniziativa. La trasversalità della manifestazione Mondomare festival unisce le componenti territoriali, spiega il Professore, ed è un qualcosa che piace perché capace di impegnare il tempo libero in maniera arricchente sotto vari punti di vista. «Noi abbiamo creduto nel Teatro Archivolto, continua il Prof.Caselli, la cui professionalità, puntualità e precisione non ci hanno mai deluso».
Gli appuntamenti inizieranno a Sanremo venerdì 6 giugno con il concerto itinerante della Banda di Caricamento e tanto coloratissimo teatro da strada; in serata Stefano Benni e Giulia Travaglia saranno protagonisti della lettura spettacolo «Vista sul mare». Sabato 7 il mattatore sarà Paolo Hendel con «Il bipede barcollante», esilarante messa in scena della paura delle malattie. Domenica 8 la Banda Osiris rivisiterà in maniera divertente brani musicali dedicati al mare.
L'appuntamento nella città di Savona vedrà al Priamar, venerdì 13 giugno, Maurizio Crozza in «MondoCrozza», un recital travolgente tra monologhi e imitazioni, mentre Angela Finocchiaro domenica 15, rivisiterà un primo Calvino con «Un bastimento carico di granchi».
Lo scienziato ed umanista Giorgio Celli sarà a Lavagna venerdì 20 giugno con Claudio Beghelli in «L'oblio di Achab», lettura a due voci che si ispira al romanzo di Melville. Lo stesso giorno saranno presenti anche Mauro Pirovano, Lella Costa e Paolo Fresu con altre letture di vari autori. Domenica 22 sarà la volta di Eugenio Allegri che presenterà «Novecento» di Baricco.
A Lerici Mondomare festival arriva alla fine di giugno, il 27, con lo sceneggiatore Premio Oscar Vincenzo Cerami protagonista della lettura-spettacolo «Le mille e una notte», mentre Neri Marcorè, il 28, si scatenerà in «Vacanze», recital esilarante su come ottenere un posto in spiaggia in piena estate. Claudio Bisio e Andrea Ceccon si esibiranno il 29 in una lettura-spettacolo in esclusiva per il festival, «Mari di carta».
Ma forse gli incontri più attesi quest'anno sono senz'altro quelli genovesi che il 4 e 5 luglio avranno protagonisti tre grandi show man come Flavio Oreglio, Ugo Dighero e Dario Vergassola, in happening divertenti che sapranno tenere alta l'attenzione del pubblico.
Anche la danza che, si sa, è un punto fermo per il Teatro Archivolto, avrà un suo ruolo preciso nella manifestazione, regalando emozioni con interventi di danza urbana creati da Gianni Di Cicco con «Sogni in tempesta» e con la performance del Silence Teatro «Come angeli del cielo».
Ma gli spettacoli non saranno l'unica attrattiva del festival che prevede incontri anche con giornalisti come Curzio Maltese e Gianni Minà in cui il tema del mare verrà trattato in maniera meno ludica toccando argomentazioni socio-politiche. Così come il navigatore estremo Alex Bellini, il 20 giugno a Lavagna, racconterà in diretta radiofonica a Massimo Cirri come è vivere il mare in modo assoluto mentre è impegnato in una traversata solitaria in barca remi dal Perù all'Australia.
Ma anche la gastronomia non è stata dimenticata da una manifestazione che, occupandosi di mare, non ha potuto escludere anche le sue prelibatezze, quindi nei presidi Liguri organizzati con Slow Food si avrà il recupero delle ricette tradizionali con degustazione e lezioni di cucina a cura di Chef per caso.