Musso, il Marquez delle banchine

Appena ho aperto la busta con dentro il libro «Il porto di Genova - La storia, i privilegi, la politica», 192 (centonovantadue) pagine scritte fittissime, in cui l’armatore Bruno Musso racconta le banchine viste dal suo osservatorio d’eccezione, confesso che ho avuto un leggero mancamento. E, soprattutto, ho pensato che quel libro avrebbe fatto la triste fine di tanti altri che arrivano sul mio tavolo. Ammonticchiati uno sull’altro, non tanto o non solo per (...)