Mussolini: «Firmato un altro 8 settembre»

«Con la decisione presa da Gianfranco Fini è stata sancita la morte di Alleanza nazionale. È l’8 settembre del partito, al centro come sul territorio». Ieri Alessandra Mussolini, eurodeputato e segretario nazionale di Azione sociale, ha commentato così la «crisi irreversibile» che starebbe attraversando Alleanza nazionale dopo l’azzeramento dei vertici del partito voluto dal vicepremier. «Azione sociale - ha continuato poi la Mussolini - resta l’unico e chiaro riferimento per la destra italiana. Questo ci dà un grande slancio in vista della manifestazione del 23 luglio prossimo a Roma, in occasione della quale verrà inaugurata la stagione di una nuova destra».
La Mussolini aveva lasciato il partito di via della Scrofa in seguito alle affermazioni sugli errori commessi dal fascismo fatte da Fini in occasione della visita in Israele nel novembre 2003.