Muti davanti al gip i due autonomi arrestati venerdì

Si sono avvalsi della facoltà di non rispondere gli ultimi due autonomi arrestati in seguito alla «guerriglia» di corso Buenos Aires dell’11 marzo. I difensori di Walter Ferrarato e Marta Canidio, avvocati Giuseppe Pelazza e Mirko Mazzali, con ogni probabilità ricorreranno al Tribunale del Riesame per chiedere la revoca degli ordini di custodia in carcere. Secondo l’avvocato Pelazza il provvedimento emesso dal gip Mariolina Panasiti «non ha nulla di giuridico perché manca il nesso tra la condotta degli indagati e l’evento. Il fatto di essere stati fotografati in corso Buenos Aires la mattina dell’11 marzo con in mano bastoni che potevano essere benissimo aste di bandiere non significa aver partecipato alla devastazione, all’incendio della sede di An e agli scontri con la polizia».